Chi è Enrico Melozzi “Melox”, direttore d’orchestra a Sanremo 2022

Chi è Enrico "Melox" Melozzi, il più rock tra i direttori d'orchestra a Sanremo 2022. Chi ha diretto in passato? Chi dirige quest'anno?

Chi è Enrico Melozzi detto “Melox”? Potrebbe essere definito il direttore d’orchestra più rock della scena musicale italiana torna al Festival di Sanremo 2022. “Melox” ha vinto insieme ai Maneskin nella scorsa edizione, come arrangiatore degli archi per Zitti e buoni. Scopriamo qualcosa in più sulla carriera e vita privata dell’eccentrico compositore.

Chi è Enrico Melozzi, detto “Melox”: un direttore d’orchestra rock

Nato a Teramo il 22 Giugno 1977, Enrico “Melox” Melozzi si appassiona alla musica fin da bambino.

A 8 anni, novello pianista, comincia subito a comporre da autodidatta. Negli anni studia diversi strumenti musicali e approfondisce il canto lirico, prima di diplomarsi in violoncello e ottenere una laurea in composizione, che gli vale il titolo di Fellow al London College of Music. Nel 1999 si forma come assistente di Michael Riessler, affiancandolo in numerosi progetti nel ruolo di copista, arrangiatore e produttore artistico.

Nel 2002 torna a Roma dove fa finalmente il suo debutto come direttore d’orchestra all’Auditorium Parco della Musica, dove porta una sua opera, la storia in musica di Oliver Twist.

È l’inizio della sua affermazione anche come compositore: scrive opere liriche e sacre e colonne sonore per cinema e teatro. In quegli anni spazia in diversi ambiti musicali, contribuendo a disparate iniziative originali. Si avvicina al mondo della musica elettronica formando il duo Lisma Project insieme al disc jockey Stefano De Angelis e fonda l’etichetta discografica Cinik Records. Affiancato da Giovanni Sollima, crea inoltre il megagruppo 100 Cellos, un progetto ed evento musicale assurdo quanto geniale che riunisce tramite i social centinaia di violoncellisti.

Melox a Sanremo: chi ha diretto? Chi dirige nel 2022

Melox è diventato famoso con il grande pubblico grazie al Festival di Sanremo, come il suo stimato collega Beppe Vessicchio. Il direttore d’orchestra abruzzese ha partecipato per la prima volta alla kermesse nel 2012, accompagnando le esibizioni di Noemi che cantava Sono solo parole, brano scritto da Fabrizio Moro. Nel 2014 torna all’Ariston, sempre a supporto di Noemi, firmando inoltre l’arrangiamento del pezzo Ho scelto me di Rocco HuntAchille Lauro invita nuovamente Melozzi in occasione del Festival di Sanremo 2019.

In quell’occasione guida l’orchestra sanremese durante Rolls Royce e durante l’esibizione di Morgan. Nel 2020 viene riconfermato alla kermesse e dirige durante le esibizioni di molti artisti, conquistandosi il secondo posto con Ringo Starr dei Pinguini Tattici Nucleari. L’anno dopo dirige per Fasma e per i Maneskin, con i quali vince il Festival con Zitti e buoni, pezzo per il quale scrive uno speciale arrangiamento d’archi. Nel 2022 Enrico Melozzi torna nuovamente dietro il podio da direttore d’orchestra per il Festival.

Quest’anno accompagnerà le esibizioni di Ana MenaGiusy Ferreri e di Highsnob e Hu