Politics Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per...

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Caro Cristiano non toccarci la Coca Cola e possibilmente sii meno opportunista.

La battaglia scatenata da Cristiano Ronaldo contro la Coca Cola nell’ultima settimana ha fatto perdere al colosso di Atlanta circa 4 miliardi di dollari di capitalizzazione in Borsa.

Coca Cola nascosta, da cr7 grave danno all’azienda

Un danno sia all’Azienda che a tutti i suoi stakeholders. Pensiamo ai suoi piccoli investitori, ai quasi 62mila dipendenti che tutte le mattine si alzano e per guadagnarsi lo stipendio devono fare qualcosa in più che correre dietro ad un pallone. Alle centinaia di piccole imprese – anche italiane – che sono fornitrici del brand. Ai milioni in pubblicità che ogni anno Coca Cola versa nelle casse di giornali, TV ed eventi sportivi.

La città di Atlanta ha ospitato le Olimpiadi proprio grazie alla bibita gassata e a lei deve gran parte del suo Pil.

Il grazie di Vasco Rossi (e dei bambini) alla Coca Cola

Se non ci fosse stata la Coca Cola Vasco Rossi non le avrebbe mai dedicato una canzone che ha accompagnato intere generazioni. Senza la Coca Cola i compleanni dei bambini sarebbero stati un po’ più tristi. Senza Coca Cola probabilmente anche l’avanzata alleata nella seconda Guerra mondiale sarebbe stata diversa.

La Coca Cola fa parte della nostra storia, della rinascita del nostro Paese, della nostra infanzia, delle nostre famiglie. Perfino durante il lockdown una Coca Cola sulla nostra tavola è stato un simbolo di speranza.

Certo anche il vino e il caffè se bevuti a dismisura diventano dannosi per la salute. Ma allora dobbiamo vietarli?

Cr7, no alla Coca Cola, sì al pollo fritto e al poker online?

Il salutista Ronaldo forse dovrebbe ricordarsi le pubblicità fatte – e ben pagate – al pollo fritto e al poker online.

Caro Cristiano goditi i tuoi soldi davanti a champagne e aragoste. Noi poveri mortali ci accontentiamo di una pizza in compagnia accompagnata da un bel bicchiere di Coca Cola, possibilmente ghiacciata.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver