Future Rifiuti di plastica, venti aziende producono oltre la metà del totale mondiale

Rifiuti di plastica, venti aziende producono oltre la metà del totale mondiale

Da qualche anno siamo ormai al corrente di un dato allucinante: appena cento aziende in tutto il mondo sono responsabili del 77% delle emissioni di Co2 nell’atmosfera. Tra questo sporco centinaio, i soliti noti del petrolio e del gas, ovviamente, che causano la maggior parte dei danni all’ambiente.

Qualcosa di simile avviene anche nel mondo della plastica, materiale essenziale a qualsiasi settore, che non riusciamo a riciclare quanto vorremmo. In questo campo, sono appena venti le aziende a cui dobbiamo il 55% dei rifiuti di plastica a livello mondiale. Un club esclusivo in cui troviamo tra l’altro molti dei nomi della prima lista, a conferma di quanto i giganti energetici siano i principali responsabili dei danni all’ambiente.

Rifiuti di plastica, la top 20 delle aziende più “sprecone” al mondo

Questa top 20 è tratta dal Plastic Waste Maker Index della Minderoo Foundation, organizzazione filantropica che ha realizzato un sito web con cui analizzare i dati, osservano i collegamenti tra aziende e nazioni interessate al loro operato. Di particolare interesse il grafico sui flussi, in cui è possibile vedere chi investe in quali aziende (e dove). 

Rifiuti di plastica, problema globale: dalla Cina all’Australia

Prima di passare a stilare i nomi in cima alla lista, un po’ di geografia: è la Cina a dominare questa classifica, sia in termini di investimenti che in termini di produzione e spreco. Un primato giustificato anche da un semplice fattore demografico (il Paese ha poco meno di 1,4 miliardi di abitanti, su un totale di 7,8 miliardi), ma non solo. Lo dimostra il confronto con l’India, che ha 1,3 miliardi di abitanti ed è “solo” terza in classifica, superata di molto dagli Stati Uniti d’America.

Interessanti anche i dati pro capite che vedono l’Australia guidare la classifica dei paesi che producono più plastica monouso per abitante (59 kg), seguita da Usa, Corea del Sud e Regno Unito. L’Italia è al decimo posto con 23 chili.

Rifiuti di plastica, Exxon l’azienda che ne produce di più

E la top ten delle aziende? Al primo posto ecco la Exxon, gigante del petrolio, da Dow, Sinopec, Indorama Ventures, Saudi Aramco, PetroChina, LyondellBasell, Reliance Industries, Braskem e Alpek SA de CV. (L’unica italiana? L’Eni, al 40esimo posto.)

Europa, Usa, Asia e Medioriente: la classifica include tutti, a conferma di come il settore energetico sia un reticolo fittissimo di relazioni, proprietà, affari e sfruttamento che non può essere affrontato localmente, ma va limitato e risolto a livello globale. 

Clicca qui per vedere le classifiche.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Nuovo ospedale San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costa il “polo unico”? Il documento esclusivo di Regione

San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costerebbe unire gli ospedali? L'analisi economico-gestionale comparativa in esclusiva su True Pharma

Ecco le lauree scientifiche che servono all’Italia. Il report Anpal-Unioncamere

Campo energetico-ambientale ma anche chimico, matematico e fisico. Ecco le principali lauree che serviranno all'Italia

La squadra che guida il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche

Il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche? Sarà guidato da Remuzzi, Brusaferro e Magrini

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Amazon ha difficoltà a trovare lavoratori (e a tenerli)

Lavoratori "consumati" che si licenziano subito (e altri problemi)

5 consigli (+1) per un brand su TikTok

Cosa fare (e cosa evitare) per promuversi su TikTok