Live

Trieste, il candidato sindaco “no mask” arrestato Ugo Rossi torna libero

A Trieste il candidato sindaco no mask è stato arrestato dopo essere venuto a contatto con le forze dell'ordine in un ufficio postale

A Trieste Ugo Rossi, candidato sindaco, è tornato a essere un uomo libero. Il giudice Poilucci del tribunale della città ha disposto la liberazione del 30enne friulano e ha rinviato l’udienza con cui inizierà il dibattimento al 27 ottobre, quindi dopo le elezioni. La pubblica accusa con il pubblico ministero Montrone aveva chiesto la conferma dei domiciliari.  Il candidato sindaco Ugo Rossi, candidato per il Movimento 3V, era stato arrestato dopo che aveva preso le difese di due persone che si rifiutavano di indossare la mascherina in un ufficio postale ed era venuto alle mani con le forze dell’ordine intervenute sul posto.

Trieste, arrestato candidato no mask

Domenica 3 e lunedì 4 ottobre ci saranno le votazioni comunali a Trieste. Tra i 10 candidati c’è anche Ugo Rossi. Trent’anni, è il candidato del Movimento 3V – Verità, Libertà e Azione. E’ cresciuto tra Friuli e Toscana. Ingegnere specializzato in ecologia e sostenibilità, è il presidente dell’associazione di promozione sociale “Hemp Revolution”.

Ugo Rossi è stato arrestato dai Carabinieri per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate ed è stato messo ai domiciliari, per poi essere rimesso in libertà. Il processo inizierà il 27 ottobre.

Trieste, candidato sindaco arrestato dopo lite con i carabinieri

In un ufficio postale di via Raffaello Sanzio, nel rione periferico di San Giovanni, Ugo Rossi, capolista del movimento 3V (le tre V stanno per «Vaccini vogliamo verità»), già conosciuto per le teorie complottiste sul Covid e no mask, stava difendendo due persone che rifiutavano di rispettare le norme anti contagio.

Le forze dell’ordine erano stati chiamate dagli addetti dell’ufficio postale, perché due persone rifiutavano di indossare correttamente la mascherina. Arriva subito anche Rossi con una telecamerina per riprendere il tutto per i social. Alla richiesta dei carabinieri di esibire  un documento, Rossi si è rifiutato opponendo «una ferma resistenza», si legge nel comunicato dell’Arma, «culminata in un vero e proprio scontro fisico». Addirittura, due carabinieri sono rimasti feriti e sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale triestino Cattinara.

Trieste, il candidato sindaco era già un noto no mask

Il candidato sindaco di Trieste Ugo Rossi era già noto per altre pubbliche proteste contro le norme anti Covid disposte dal Governo. Nei giorni scorsi Ugo Rossi era entrato nei locali dell’università cittadina senza protezioni e senza il certificato verde.

Sui social intanto gira il video in cui si vedono i carabinieri che cercano con forza di caricare in auto il 30enne in manette. Nel parapiglia si sente il candidato dire: «Quando sarò sindaco i carabinieri dovranno obbedire a me!».

Già un gruppetto di sostenitori è sceso in strada a protestare, definendo l’arresto «politico» e promettendo «un’imminente manifestazione pacifica ma decisa».