Covid, fine stato di emergenza: cosa cambia dal 1° aprile

Covid, fine stato di emergenza: dal 1° aprile ci saranno nuove disposizioni ma non è un via liberti tutti. Bisogna fare sempre attenzione.

Covid, fine stato di emergenza: dal 1° aprile saranno in vigore nuove disposizioni, previste ancora vecchie restrizioni ma ecco anche nuove libertà. Alta ancora l’attenzione.

Covid, fine stato di emergenza

Dal 1° aprile, con la fine dello stato d’emergenza, sono previste nuove disposizioni, alcune vecchia restrizioni ma anche nuove libertà concesse. Ad esempio, cinema, teatri, discoteche torneranno a libero accesso da maggio. Fino ad allora saranno indispensabili il Green pass rafforzato e la mascherina ffp2.

Per le nozze il Green pass rafforzato sarà necessario fino al 30 aprile per prendere parte ai festeggiamenti al chiuso. Per poter far vista a un degente in una residenza sanitaria assistita o in ospedale resta obbligatorio fino al 31 dicembre essere in possesso del Green pass rafforzato.

Sui mezzi di trasporto, non sarà più richiesto il Green pass. Resta obbligatorio l’utilizzo della mascherina ffp2. Si potrà accedere nei locali con tavoli all’aperto senza alcun tipo di certificazione.

Al chiuso, sia per sedersi che per una consumazione al banco, servirà ancora il Green Pass rafforzato

Cosa cambia dal 1° aprile

Ecco nello specifico cosa cambia con la fine dello stato d’emergenza Covid, previsto per il 31 marzo. Dal 1° aprile sono previste nuove disposizioni:

  • Obbligo di mascherine: viene esteso fino al 30 aprile l’obbligo di mascherine ffp2 negli ambienti al chiuso, come i mezzi di trasporto e i luoghi dove si tengono spettacoli aperti al pubblico.

    Nei luoghi di lavoro sarà invece sufficiente indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

  • Fine del sistema delle zone colorate per le Regioni.
  • Capienze impianti sportivi: ritorno al 100% all’aperto e al chiuso dal 1° aprile.
  • Protocolli e linee guida: verranno adottati eventuali protocolli e linee guida con ordinanza del Ministro della salu
  •  Fine del sistema delle zone colorate per le Regioni
  • Graduale superamento del green pass
  • Eliminazione delle quarantene precauzionali
  • Per tutti, compresi gli over 50, si potrà accedere ai luoghi di lavoro con il Green Pass Base.

  • Fino al 31 dicembre 2022, resta l’obbligo vaccinale con la sospensione dal lavoro per gli esercenti le professioni sanitarie e i lavoratori negli ospedali e nelle RSA; fino alla stessa data rimane il green pass per visitatori in RSA, hospice e reparti di degenza degli ospedali.

LEGGI ANCHE: Fine green pass: che cosa cambia dopo il 31 marzo?