Chi è Veronica Pivetti: carriera, compagno, malattia, vita privata

Veronica Pivetti, sorella di Irene Pivetti, è una conduttrice televisiva. È stata sposata dal 1996 fino al 2000 con Giorgio Ginex

Veronica Pivetti è una conduttrice televisiva sorella di Irene Pivetti. Su Rai 3 conduce nel 2022 il programma Amore criminale dove racconta storie di femminicidio.

Chi è Veronica Pivetti

Veronica Pivetti è nata il 19 febbraio 1975 a Milano. Sorella minore dell’ex politica e imprenditrice Irene, debutta come doppiatrice all’età di sei anni. È stata doppiatrice per alcuni popolari cartoni animati, tanto che ha prestato la sua voce per Crilin in Dragon Ball.

Nel 1994 la si vede a Quelli che il calcio al fianco di Fabio Fazio, e grazie alla partecipazione al programma la sua carriera prende il volo. È stata infatti chiamata sul set di Viaggi di nozze (Fosca) ma ha anche recitato in alcuni film e serie tv di successo come Le giraffe, Provaci ancora prof! e Il maresciallo Rocca. Su Rai 3 conduce nel 2022 il programma Amore criminale dove racconta storie di femmicidio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rai 3 (@instarai3)

Sanremo

Veronica Pivetti nel 1998 ha condotto accanto a Raimondo Vianello ed Eva Herzigová il Festival di Sanremo.

Vita privata

Veronica Pivetti è stata sposata dal 1996 fino al 2000 con Giorgio Ginex, noto attore e conduttore radiofonico.

La coppia non ha mai avuto figli e forse anche per questo motivo i due alla fine si sono separati. Si sa che da diversi anni nella Capitale vive con una sua amica, Giuliana che Veronica non ha mai confermato essere la sua compagna.

Malattia

Veronica Pivetti, dopo la separazione, ha rimarcato di aver affrontato un difficile periodo di depressione. “Questo non è uno stato d’animo, ma una vera e propria malattia – aveva infatti raccontato durante un intervento a Domenica In – Ho avuto una depressione bella tosta per 6 anni, da cui è uscito un libro comico.

Datemi retta, se ne può uscire. Ma molto spesso viene sottovalutata. La depressone colpisce tante persone, è molto democratica. Vergognarsene è la cosa più sbagliata che si possa fare. Nascondersi è sbagliato. Siamo tutti imperfetti e tutti possiamo attraversare un momento di grande difficoltà”.