Raspadori al Napoli, accordo raggiunto con il Sassuolo: ecco le cifre. Cannavaro sull’attaccante: “Miglior giovane della Nazionale”

Raspadori al Napoli: finalmente l'attaccante può dirsi un nuovo giocatore azzurro. L'accordo con il Sassuolo è stato raggiunto.

Raspadori al Napoli: accordo raggiunto con l’attaccante che sosterrà le visite mediche nella giornata di giovedì 18 agosto. Trattativa stenuante che alla fine si è conclusa per la gioia di tutti. Un nuovo acquisto per i campani che migliorano la propria rosa.

Raspadori al Napoli, accordo raggiunto con il Sassuolo: ecco le cifre

“Siamo ad un buon punto. Stiamo definendo ultimi dettagli con il Napoli”. Parole di Giovanni Carnevali amministratore delegato del Sassuolo in merito all’affare relativo a Giacomo Raspadori.

La notizia è stata rilanciata dal giornalista RAI, Ciro Venerato che ha personalmente contattato il dirigente della squadra neroverde. Venerato ha poi aggiunto altri importanti dettagli sulla trattativa. “Ci siamo entro 24 ore Raspadori sarà un nuovo giocatore del Napoli, 5 milioni subito per il prestito e 25 per il riscatto”.

Nella tarda mattinata c’è stato un nuovo rilancio e l’accordo è stato trovato: prestito oneroso di 5 milioni di euro con obbligo di riscatto fissato a 25 e con 5 milioni di euro di bonus.

Il giocatore sosterrà le visite mediche nella giornata di giovedì 18 agosto.

Cannavaro sull’attaccante: “Miglior giovane della Nazionale”

Ai microfoni della Gazzetta dello Sport, ha parlato Fabio Cannavaro a proposito proprio di Raspadori ma anche del mercato del Napoli in generale: “È il miglior giovane che si è spostato, di quelli del giro della Nazionale. Magari non entusiasma oggi la piazza come un Dybala, ma in prospettiva può essere anche più forte.

Anzi bisogna apprezzare una società che investe più sui cartellini, dunque sulla prospettiva, che su giocatori dai super ingaggi. Diventa una garanzia di continuità per il futuro, anche se il tifoso a ogni latitudine vuole vincere e subito. Ma bisogna far quadrare i conti e non è semplice. Il Napoli è una squadra che deve riempire ed entusiasmare il Maradona. In città vedo troppa amarezza, critiche eccessive. Il presidente De Laurentiis ha sempre dimostrato di costruire squadre competitive.

E anche questa volta lo sta facendo. E allora il tifoso deve andare allo stadio e spingere una squadra che saprà offrire anche un buon spettacolo. Io andrò a Fuorigrotta, perché le squadre di Spalletti mi divertono, giocano sempre un calcio propositivo e intraprendente. La mia gente deve capire che lo stadio pieno e che tifa è un valore aggiunto enorme per la squadra”.

 

LEGGI ANCHE: Acerbi all’Inter: l’unica strada possibile per entrambe. La Lazio apre al prestito