Sports Maldini e Gazidis, botte da orbi sulla Superlega

Maldini e Gazidis, botte da orbi sulla Superlega

L’uscita a valanga di Paolo Maldini sul progetto della SuperLeague nasconde un sottofondo al veleno che farà discutere e non poco. Ha detto l’ex capitano e oggi numero uno dell’area sportiva davanti ai microfoni di Sky: “Vorrei precisare che non sono mai stato coinvolto nelle discussioni che riguardavano la Superlega, l’ho saputo domenica sera come tutti gli altri. Si è deciso a livelli più alti nella nostra società ma questo non mi esenta dallo scusarmi nei confronti dei tifosi”.

Al di là di quello che pensa Maldini sul progetto abortito, è sconcertante che nessuno lo avesse informato di nulla. In fondo è il numero 3 a livello di operatività nell’azienda Milan e quello che da subito (se davvero la Superlega fosse partita ad agosto) avrebbe dovuto lavorare per costruire una squadra all’altezza. Ed è sconcertante che abbia scelto la televisione per farlo sapere al mondo intero, scaricando di fatto la linea del Milan, della sua proprietà e di Gazidis che ne è interprete oltre che suo diretto superiore. Col quale, al di là delle parole di facciata e delle foto insieme, non deve correre ancora buon sangue dopo gli scontri che hanno portato la leggenda rossonera a un passo dall’addio nei mesi scorsi. La pace sembrava essere stata sigillata dai risultati di Pioli e dal nuovo corso. Sembrava…

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Sos Inter… C’era una volta il nerazzurro

L’Inter campione d’Italia nella prossima stagione non vestirà nerazzurro ma un misto di due blu, chiaro e scuro, che si intrecciano su uno sfondo squamato

Andrea Pirlo dribbla l’esonero. Chi era pronto a sostituirlo… Rumors

Andrea Pirlo, nelle ore successive al tracollo con il Milan, è stato ad un passo dall'esonero. A Torino, dopo la disfatta interna...

Gli assembramenti? Sono legali (per gli ultras, ovviamente)

Alla faccia della pandemia, il Comune dà via libera alla festa

Il nuovo San Siro val bene una Cattedrale

Continuano le trattative tra Suning e Sala per il nuovo stadio

Mancini come Vieri? Il Ct della nazionale sta preparando una hit estiva

Dal pallone alla musica il passo è sempre più breve