Live

Inter, Romelu Lukaku al Chelsea? Ecco quanto vale la sua vendita

I conti reali dietro alla cessione da parte dell'Inter di Romelu Lukaku al Chelsea e sulle necessità per il club di fare cassa

Privarsi dell’uomo simbolo dopo aver vinto lo scudetto e con la prospettiva di attirarsi critiche, anche feroci, dalla piazza è un’idea sostenibile o un suicidio sportivo e gestionale? Dibattito aperto seguendo le linee della trattativa per spostare Lukaku dall’Inter al Chelsea, con sullo sfondo i problemi economici di Zhang che solo l’eccezionale stagione di Conte ha contribuito a tenere sotto il tappeto per mesi. Poi sono esplosi.

Inter, quanto vale vendere Lukaku al Chelsea

Cosa significa in termini economici cedere alle lusinghe dei campioni d’Europa per il belga? Di getto: sistemare per qualche mese il bilancio, puntellarlo nel conto economico e nel flusso di cassa, evitare criticità come quelle dello scorso inverno.

Lulaku è stato pagato circa 75 milioni di euro nell’estate 2019 e da allora il suo valore a bilancio è sceso a 45 per via dell’ammortamento del primo biennio. Dunque si tratterebbe di una plusvalenza da quasi 100, simile a quella messa a segno da Marotta con Pogba nel 2016 e che si aggiungerebbe a quella da poco meno di 30 realizzata con Hakimi. Con un taglio complessivo di una ventina di milioni del costo ingaggi. In pratica si arriva in due mosse all’obiettivo dichiarato da Zhang a giugno e che ha convinto Conte a salutare la compagnia.

Inter, Lukaku in debito di una cinquantina di milioni


Poi ci sarebbe il flusso di cassa, garantito da una cessione record anche per la ricchissima Premier League. Soldi da far girare per non incorrere in scadenze saltate, stipendi ritardati, deroghe e tutto il resto. Non solo: così come Hakimi non era ancora stato del tutto pagato al Real Madrid, anche per Lukaku l’Inter è in debito di una cinquantina di milioni rispetto al Manchester United: formule decise al momento dell’acquisto e che sarebbero spazzate via dalla cessione.

Poi c’è l’altro capitolo, quello che riguarda la necessità di reinvestire. Marotta post Pogba prese il malloppo e andò a Napoli a prelevare Higuain, ovvero il miglior centravanti della Serie A dell’epoca. All’Inter non accadrà. L’ordine è vendere, se si vende, per fare cassa. Con tanti saluti allo scudetto.