Marta Fascina vince in Sicilia: la compagna di Berlusconi eletta alla Camera

Marta Fascina riconfermata in Parlamento: la compagna di Silvio Berlusconi eletta in Sicilia alla Camera dei Deputati.

Marta Fascina eletta alla Camera in Sicilia, la compagna di Silvio Berlusconi resta in Parlamento. Vittoria tranquilla per l’ultima fiamma del Cavaliere, che non si è mai vista sull’isola: “Mio padre mi ci portava in vacanza”.

Marta Fascina eletta alla Camera, la compagna di Berlusconi vince in Sicilia

Marta Fascina si riconferma e viene eletta alla Camera dei Deputati anche alle elezioni politiche 2022, conquistandosi un seggio in Sicilia. La compagna di Silvio Berlusconi, candidata per la coalizione di centrodestra, vince in scioltezza al collegio uninominale di Marsala contro la pentastellata Vita Martinciglio e il candidato del PD Antonio Ferrante, che ottiene solo un terzo posto.

Una vittoria che riporta Marta Fascina in Parlamento nonostante non sia mai stata in Sicilia durante la campagna elettorale. Pochi mesi fa, intervistata da Libero le sue dichiarazioni avevano fatto scalpore. Fascina aveva infatti affermato di essere legata all’isola per i suoi ricordi d’infanzia: “Da bambina mio padre mi ci portava in vacanza”.

LEGGI ANCHE: Berlusconi eletto al Senato vince nel collegio di Monza. Per Tajani “Forza Italia determinate per il governo”

I dati dello spoglio: Fascina oltre il 36%, Martinciglio ferma al 27%, terzo posto per Ferrante

Entrando nel dettaglio, lo spoglio pone Marta Fascina in una posizione molto confortevole, in grande vantaggio con il 36,11% delle preferenze. La rivale del M5S Vita Martinciglio è ben lontana, sotto di nove punti percentuali al 27,51%. Ancora più indietro il Presidente dell’Assemblea Regionale Antonio Ferrante per il PD, con il 17,82% dei voti. Fermi nelle retrovie Daniele Vito Mangiaricina per De Luca Sindaco D’Italia all’8,39% e Giulia Pantaleo per il Terzo Polo al 6,06%.

Fanalini di coda Adriana Cavasino per ItalexitAntonio Ingroia per Italia Sovrana e Popolare e Davide Licari per Unione Popolare.

LEGGI ANCHE: Vittorio Sgarbi non entra in Parlamento: sconfitto da Casini a Bologna