Facts Elezioni comunali Napoli 2021: data, candidati, sondaggi

Elezioni comunali Napoli 2021: data, candidati, sondaggi

Il Comune di Napoli si prepara per le elezioni amministrative del nuovo sindaco: un appuntamento importante per la città partenopea, dopo i due mandati di Luigi De Magistris, che non si potrà candidare di nuovo.

Elezioni comunali Napoli 2021: quando?

Le amministrative si terranno dopo l’estate, tra il 15 settembre e il 15 ottobre. La data più probabile queste elezioni comunali 2021 a Napoli è quella del 10 e 11 ottobre, con gli eventuali ballottaggi che si terranno dopo due settimane.

Elezioni comunali Napoli 2021: chi sono i candidati?

Alle amministrative sono tantissimi i candidati, anche assessori uscenti. Tra questi figura il fondatore di Gesco, assessore alle politiche sociali e alle politiche dell’immigrazione della giunta del sindaco Luigi De Magistris tra il 2011 e il 2013. Sergio D’Angelo, nato nel 1954,  è commissario straordinario dell’Acqua bene comune, l’azienda che tratta  la gestione dell’acqua pubblica del Comune di Napoli, in passato aveva lasciato la carica di assessore con la giunta De Magistris per provare ad entrare in Senato con la lista ‘’Rivoluzione Civile’’ di Antonio Ingroia ma non venne eletto.

Quali sono gli altri candidati sindaco alle elezioni comunali a Napoli?

Un volto molto noto ai napoletani, è la candidatura di Antonio Bassolino, lo scorso mese di Aprile ha tenuto la conferenza stampa ed è pronto a ricandidarsi a sindaco di Napoli nuovamente.  E’ stato per due volte sindaco, come pure presidente della Regione. Ha affermato di essere consapevole che sarà una sfida molto difficile, ci sono molti cittadini che me lo chiedono ma anche tantissimi che hanno rinunciato al voto negli ultimi anni. Da uomo che ha vissuto e amministrato per tanti anni la città di Napoli vuole tornare per dare un nuovo slancio a Napoli, non soltanto per gestire l’ordinario, il centro, le buche, il trasporto pubblico ma soprattutto aiutare le periferie. Travolto da inchieste giudiziarie poi assolto, è pronto per la campagna elettorale nonostante molti dicono che la sua è iniziata già da molto tempo Ai suoi avversari, si sente di rispondere che è un maratoneta, sale e scende a tutte le altezze.

L’altro candidato certo per la corsa a palazzo San Giacomo  è  Alessandra Clemente per il movimento DemA,  supportata dal sindaco uscente Luigi De Magistris, prevede che raggiungerà il 25% per poi giocarsi tutto al ballottaggio con il candidato del centro destra.

Elezioni comunali Napoli 2021, cosa dicono i sondaggi  

Il sondaggio svolto il mese scorso da Quorum per il sussidiario.net ha rilevato che una coalizione tra il PD e il Movimento 5 stelle potrebbe raggiungere il 40% molto dipende dalla scelta del candidato sindaco per la coalizione. Secondo il sondaggio con il presidente della Camera Roberto Fico la coalizione raggiungerebbe il 39,8% delle preferenze, con l’ex ministro  Gaetano Manfredi il 34,1%, mentre con il sottosegretario di Stato con delega agli affari esteri Enzo Amendola le preferenze scendono al 29,2%. Secondo Quorum, per il centro destra, probabilmente il candidato sindaco sarà il magistrato Catello Maresca che non raggiunge il 30% delle preferenze. La candidata Alessandra Clemente per il movimento demA si ferma al 18% delle preferenze ed infine Antonio Bassolino non supera il 16%. Il sondaggio  è stato realizzato da Quorum per il sussidiario.net, su un campione di 805 persone. Prevede che il centro sinistra PD e movimento 5 stelle con Roberto Fico candidato si arriva fino al 39% e si scende al 27% minimo raggiunto con Amendola. Il capogruppo del Movimento 5 stelle in consiglio regionale, Valeria Ciarambino, vicino a Di Maio, vuole fortemente la candidatura di Fico a sindaco di Napoli. Anche il sottosegretario Carlo Sibilia chiede l’alleanza Pd, Movimento 5 Stelle e Leu per elezioni comunali di settembre a Napoli.

Elezioni comunali Napoli 2021, c’è anche il sindaco virtuale

Intanto nella città virtuale ci sono 5 candidati. Francesco Perillo, Renata Gelmi, Antonio Tosi, Carlo Dini, Stefeno Barone sono le cinque persone che si potranno scegliere fino al 31 maggio esprimendo il proprio voto nella città virtuale. Una città virtuale, esistente da diversi anni, dove partecipano persone vere, iscrivendosi sul sito, comunepartenope.it propongono i loro progetti, oggi sono chiamati a scegliere il candidato sindaco. Sono circa dieci mila i cittadini iscritti nella città Partenope virtuale. Il voto è partito dal mese di gennaio, hanno partecipato diversi cittadini che saranno scelti e non potranno candidarsi alle amministrative che si terranno tra settembre e ottobre. Francesco Perillo, insegnante all’università Suor Orsola Benincasa a Napoli, ha lavorato come dirigente di azienda nel settore delle risorse umane in Italia e all’estero per Finmeccanica. Poi c’è Renata Gelmi, un dirigente scolastico in pensione, pronta ad affrontare tutte le tematiche riguardanti i più giovani, dal bullismo, dispersione scolastica, violenza minorile. Antonio Tosi, un altro candidato nella città virtuale, è un avvocato, in Regione Campania ha avviato le attività dell’Arpac, ha lavorato come assistente per il sindaco di Pompei, è stato consigliere  giuridico al ministero dei beni culturali. Infine ci sono Carlo Dini e Stefano Barone, il primo è nato a Pisa ma vive in Maremma, svolge la professione di architetto, ha visitato Napoli per la prima volta all’età di 17 anni è rimasto folgorato, oggi mette a disposizione le sue competenze, le idee e i progetti migliori per cambiare  Napoli, una città straordinaria, la più civile d’Europa. L’altro partecipante è Stefano Barone un avvocato convinto che l’innovazione e l’incoming possono cambiare il volto della città. Tutti i programmi sono stati presentati dai candidati sul sito città Partenope, si potrà votare fino al 31 maggio.

Più articoli dello stesso autore

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Era il 2002 e il Cav. Lav. Dr. Salvatore Ruggeri ha messo in pratica la sua idea, ovvero creare una società attiva nel settore...

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Notizie Correlate

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...