Chi era Roberto Maroni, causa morte, malattia e vita privata dell’ex Ministro dell’Interno

Chi era Roberto Maroni, causa morte e malattia del volto storico della Lega Nord ed ex Ministro dell'Interno. Dalla carriera politica alla vita privata.

Chi era Roberto Maroni: causa morte, malattia carriera e vita privata del politico leghista ed ex Ministro dell’Interno. L’ex segretario della Lega Nord si è spento all’età di 67 anni. Tanti i messaggi di cordoglio da amici e colleghi. Matteo Salvini“Buon vento, Roberto”.

Roberto Maroni, chi era: causa morte, malattia e vita privata dell’ex Ministro dell’Interno

Roberto Maroni, ex segretario della Lega Nord ed ex Ministro dell’Interno, è morto nella notte tra il 21 e il 22 novembre 2022, all’età di 67 anni.

Dopo due anni di lotta con una grave malattia, il noto politico italiano si è spento nella sua casa a Lozza, in provincia di Varese. Per volontà della sua famiglia la stampa ha sempre mantenuto un rispettoso riserbo sulle sue condizioni di salute. Secondo diverse fonti, potrebbe essersi trattato di tumore al cervello. Maroni fu ricoverato già a gennaio del 2021 a causa di un improvviso mancamento, che lo portò ad accasciarsi e sbattere la testa.

In seguito fu sottoposto ad un intervento chirurgico all’Istituto neurologico Besta, a Milano. L’annuncio del suo decesso arriva sul suo profilo Facebook: “Questa notte alle ore 4 il nostro caro Bobo ci ha lasciati. A chi gli chiedeva come stava, anche negli ultimi istanti, ha sempre risposto “bene”. Eri così, Bobo, un inguaribile ottimista. Sei stato un grande marito, padre ed amico”.

Tanti messaggi di cordoglio dagli amici e colleghi di Maroni nel mondo della politica. L’attuale segretario della Lega Matteo Salvini gli ha dedicato un messaggio su Instagram: “Grande segretario, super ministro, ottimo governatore, leghista sempre e per sempre. Buon vento Roberto”.

Carriera: politica e ruoli istituzionali

Nato a Varese il 15 marzo 1955, Roberto Maroni ha dedicato la sua vita alla politica, mondo in cui era attivo fin dai tempi dell’adolescenza. Era uno dei volti storici della Lega Nord, di cui fa parte dai tempi della sua fondazione. Nel corso della sua carriera politica ricopre diversi incarichi pubblici. Ottiene il suo primo mandato da deputato nel 1992 e viene nominato Ministro dell’Interno per la prima volta nel 1994, sotto il primo Governo Berlusconi, incarico poi ripreso durante il quarto governo del leader di Forza Italia, dal 2008 al 2011.

Fu inoltre Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali dal 2001 al 2006, durante l’esecutivo più longevo della storia politica italiana. Ha poi ricoperto il ruolo di segretario federale della Lega dal 2012 al 2013, e di governatore della Lombardia dal 2013 al 2018. Ancora attivo in politica nel 2021, fu costretto a ritirarsi a causa dei suoi problemi di salute.

Vita privata: moglie, figli

Roberto Maroni era sposato da molti anni con Emilia Macchi, al suo fianco dai tempi del liceo.

Dall’amore della coppia nascono tre figli: la primogenita Chelo, Filippo e Fabrizio. Quest’ultimo ha deciso di seguire le orme del padre e perseguire una carriera politica: “È stato lui a insegnarmi il valore delle scelte sane e ragionate. Una volta appurato che è stata una scelta mia, è stato felice per l’impegno politico, anche se non dalla parte della Lega”.