Sports Dopo i cinesi, un pezzo di Serie A spera negli sceicchi

Dopo i cinesi, un pezzo di Serie A spera negli sceicchi

“Pagare moneta, vedere cammello” si diceva una volta. Nel malandato calcio italiano sempre più alla ricerca di nuovi investitori torna ciclicamente la presenza dell’arabo. Una presenza (o speranza) che molto spesso però alla fine fa rima con favoletta. Da impacchettare ad uso e consumo di media e tifosi. È successo con la Roma più volte e con il Milan quando erano in vendita. Lo scenario sembra potersi ora ripetere con l’Inter. All’orizzonte però non ci sono gli sceicchi miliardari di PSG o Manchester City, bensì personaggi chiacchierati e non troppo positivamente. I cosiddetti speculatori. Occhio quindi alle trattative fumose.

Ad esempio un nome ricorrente porta ad un fondo legato a doppio filo al principe saudita Mohammed Bin Salman che ha provato in passato, senza successo, ad acquistare club di Premier League. Per diventare proprietari di società inglesi serve la cosiddetta reputation, ovvero non essere implicati in vicende dai risvolti penali. E Bin Salman è parecchio chiacchierato. Non solo per la recente comparsata da 50mila euro di Renzi ma soprattutto per l’uccisione del giornalista Jamal Kashoggi.

Insomma, la Cina nel calcio non sarà più così vicina come prima ma anche “l’arabo” che tutto vuole non scherza. Se esiste davvero….

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

La svolta del governo Draghi sulle riaperture (e non solo)

Cantieri, scuole, bar e ristoranti aperti: dal 26 aprile cambia tutto. Ecco il cronoprogramma

Albertini tenta i moderati e i Cinque Stelle lo aiutano

Il sindaco di Milano presenta la sua lista con tutti i big e punta alla doppia cifra. Ma non è ancora risolto il nodo Cinque Stelle in coalizione che spaventa moderati e centristi. E se il centrodestra ha Gabriele Albertini...

Cosa perdiamo quando perdiamo le chiacchiere da ufficio

Colleghi distanti che non possono parlare né collaborare. Perché anche perdere tempo può servire in un ufficio

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rimanere al Milan o andarsene (anche dall’Italia)? Il dubbio di Donnarumma

Servono almeno 10 milioni netti per rinnovare il contratto di Gigio col Milan. Intanto le alternative non mancano...

Dietro al business (statale) dei “Grandi Eventi” sportivi

Non tutti gli eventi finanziati dal pubblico sono così noti (e prestigiosi). Il caso della Regione Lombardia