Sports Questa Supercoppa non s'ha da fare

Questa Supercoppa non s’ha da fare

Ah… se le segrete stanze del calcio italiano potessero parlare e raccontare. Ad esempio cosa è successo nelle 72 ore in cui il presidente del Napoli, De Laurentiis, ha cercato di far spostare la Supercoppa italiana in programma il prossimo 20 gennaio a Reggio Emilia? Sfida contro la Juventus di Agnelli, a un mese dalla sentenza del Collegio di Garanzia del Coni che ha restituito ai partenopei la possibilità di giocarsi in campo la partita di campionato saltata per mancata presentazione della squadra di Gattuso a Torino lo scorso 3 ottobre. Ebbene, la linea ufficiale della Lega e del club di ADL è che la proposta di spostare a data da destinarsi il match di Reggio Emilia sia stata giustificata con la possibilità teorica di farla a fine stagione, con magari un po’ di pubblico allo stadio e (“proposta alta” l’ha definita l’ad della Lega De Siervo dopo essersi fatto sfuggire un meno romantico “provocazione”) raccolta fondi a favore della campagna vaccinale contro il Covid.

E che la proposta sia svanita nell’arco di poche ore vista l’impossibilità di cancellare al buio una certezza (il 20 gennaio) a fronte di un calendario così compresso che a oggi non è presente nemmeno una data per il recupero dello Juve-Napoli di campionato. Se le segrete stanze del calcio italiano potessero parlare, però, racconterebbero anche che De Laurentiis non si è piegato così facilmente al ‘no’ della Lega, ma ha tentato fino all’ultimo di trovare sponde al suo progetto. Anche a costo di mettersi in contatto con il presidente della Regione Emilia Romagna Bonaccini per valutare una possibile ordinanza differitoria da parte della politica. Idea respinta al mittente e non sarebbe potuto accadere differentemente. Bonaccini, per spostare la Supercoppa a chissà quando evocando i contagi, avrebbe dovuto in sostanza accettare di fermare il campionato di Bologna, Sassuolo e Parma (Serie A), SPAL e Sassuolo (Serie B) che ogni santa domenica scendono in campo nella sua regione. Davvero troppo. Così, con la macchina della Lega già ampiamente in moto e in viaggio verso Reggio Emilia per la conferenza stampa di presentazione, mercoledì mattina il Napoli ha pubblicato un comunicato ufficiale per confermare la sua presenza in campo. Che in una situazione normale sarebbe un dato scontato, ma evidentemente fino a quel momento non lo è stato.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Webuild: Salini Impregilo lancia la sfida per le grandi opere

Webuild, di cui Salini è il socio di maggioranza, ha una partecipazione azionaria composita, che va dalla CDP fino a varie banche coinvolte

Nomine e parità di genere: il modello Invimit per le scelte di Draghi?

Un presidente uomo e un amministratore delegato donna (o viceversa) nel valzer delle nomine pubbliche? L'idea circola sul modello di Giovanna Della Posta in Invimit che affianca Trifone Altieri. Ma è più facile a dirsi che non a farsi

Lombardia, l’economia reagisce alla crisi. Ma teme l’incognita Superbonus 110%

E’ presto per dire che il paese ha voltato pagina. Certo è che la Lombardia sta rispondendo meglio. Se servizi, ristorazione e turismo vanno male, l'industria reagisce

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...

Superlega, Gravina il mediatore tra Uefa e Juventus

Ufficialmente il confronto è ancora su toni aspri. Anzi, si sta incattivendo ogni giorno che passa come dimostra l’apertura del procedimento disciplinare...