Sports Portabandiera Olimpiadi Italia 2021: perché è giusto il no a Paola Egonu

Portabandiera Olimpiadi Italia 2021: perché è giusto il no a Paola Egonu

In questo periodo storico, attraversato da una follia omotransfobica dovuta al Ddl Zan, dallo Sport arriva una storia di lucidità, rispetto, logica che lascia ben sperare. La premessa è sotto gli occhi di tutti. Per settimane i media non hanno parlato d’altro; bisogna stare attenti a cosa si dice, a come lo si dice, agli ospiti che si invitano in una trasmissione tv, mentre (ci avete fatto caso) ormai quasi tutte le pubblicità hanno scelto come protagoniste non le famiglie tradizionali, un po’ per convinzione e un altro po’ perché (ammettiamolo) è «di moda».

Portabandiera Olimpiadi Italia 2021, l’ipotesi Paola Egonu

Ed è da qui che è partita su uno dei principali quotidiani nazionali, l’idea di proporre come portabandiera alle Olimpiadi di Tokio Paola Egonu, pallavolista, anzi: la miglior pallavolista del mondo. Ma non solo; Egonu dopo aver raccontato un anno fa la sua omosessualità oggi in quell’intervista si dichiara aperta all’amore di ogni genere. Insomma: la candidata perfetta per l’onda comunicativa del momento.

Portabandiera Olimpiadi Italia 2021, la scelta di Viviani e Rossi

Ma il Coni, il suo presidente Malagò, hanno fatto un’altra scelta. Una scelta GIUSTA. Hanno cioè rispettato quelli che da sempre sono i criteri per la selezione del portabandiera: grandi atleti, con un passato vincente alle Olimpiadi. Passato che Elia Viviani, ciclista, e Jessica Rossi, tiratrice, hanno. Medaglie d’oro che invece mancano sul collo di Paula Egonu.

Olimpiadi Italia 2021, via dallo sport le polemiche sull’omotransfobia

Il messaggio, lo stop del Coni, è chiaro. Fuori certe polemiche dallo sport, fuori certe ondate emotive, fuori la politica. Lo sport non ha nulla a che fare con tutto questo. E ci auguriamo di vedere alle Olimpiadi 2024 di Parigi Paola Egonu nostra portabandiera; significa che a Tokio la nazionale femminile di Pallavolo ha vinto la medaglia d’oro.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

TNT-FedEx, lavoratori Si Cobas in protesta aggrediti da bodyguard privati: uno in ospedale a Pavia. La Questura: “15 giorni di prognosi”

Protesta TNT-FedEx, un lavoratore colpito da bodyguard privati. Portato al San Matteo di Pavia, si prevedono 15 giorni di prognosi

Maurizio Costanzo alla Roma come nuovo capo comunicazione: primo calcio con il piede sbagliato

Maurizio Costanzo nuovo capo della comunicazione della Roma targata Josè Mourinho: che sorpresa (per lo staff giallorosso)

Superlega, dopo lo stop alla Uefa che cosa fanno i club pentiti?

Ufficialmente sono fuori dal progetto della Superlega, vincolati dal patto siglato con la Uefa per limitare le sanzioni a una piccola multa. Ma Milan, Inter e le altre fuoriuscite...

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Maurizio Costanzo alla Roma come nuovo capo comunicazione: primo calcio con il piede sbagliato

Maurizio Costanzo nuovo capo della comunicazione della Roma targata Josè Mourinho: che sorpresa (per lo staff giallorosso)

Superlega, dopo lo stop alla Uefa che cosa fanno i club pentiti?

Ufficialmente sono fuori dal progetto della Superlega, vincolati dal patto siglato con la Uefa per limitare le sanzioni a una piccola multa. Ma Milan, Inter e le altre fuoriuscite...

Playoff Nba: nel basket si è arrivati alla fine di un’era?

Playoff Nba, è forse la fine di un'era? Devin Booker e Luka Doncic sono già "in vacanza". E avanza la popolarità dell'Eurolega

Plusvalenze calcio, quando Inter e Milan finirono in tribunale

Non c’è nulla di nuovo in quanto stanno facendo i club della Serie A in questi tempi di crisi per cercare di...

I telecronisti della Serie A e quel valzer tra Dazn e Sky

Da Lele Adani ad Alessandro Costacurta fino a Sandro Piccinini: dove andranno i telecronisti per la prossima Serie A?