Future La tutela dell'ambiente finirà in Costituzione?

La tutela dell’ambiente finirà in Costituzione?

È solo l’inizio di un lungo iter, quello per la modifica della Costituzione. Mercoledì scorso, però, il Senato ha approvato in prima lettura il disegno di legge che introduce la difesa “dell’ambiente e della biodiversità” nel testo costituzionale. Il ddl era stato approvato lo scorso marzo dalla commissione Affari costituzionali del Senato. Dovrà passare in tutto quattro letture, due alla Camera e un’altra al Senato, per entrare in Costituzione. Alla votazione ci sono stati 224 voti favorevoli e nessun voto contrario. Si sono solo astenuti 23 senatori, quelli di Fratelli d’Italia e di Azione (quest’ultimi perché nel testo mancano chiari riferimenti allo sviluppo sostenibile).

Un disegno di legge bipartisan (quasi)

Il testo attualmente in discussione è in realtà la sintesi di altre sette proposte provenienti da uno spettro politico piuttosto ampio, che comprende Liberi e Uguali, il Partito Democratico, Forza Italia, il Movimento 5 Stelle e +Europa. Il consenso non è però unanime, come abbiamo visto. Al di là delle astensioni, lo scorso aprile la Lega Nord aveva proposto quasi 250 mila emendamenti alla Commissione affari costituzionali del Senato. Tra i motivi dell’ostruzionismo leghista c’è la tutela di categorie come quelle degli allevatori e dei cacciatori – che verrebbero limitati in parte dal ddl – e la critica nei confronti dell’approccio “statalista” del provvedimento.

La Costituzione e l’ambiente

Prima di inoltrarci nelle polemiche tra partiti, però, è necessario chiedersi cosa significherebbe questa modifica alla Carta. Il documento del 1948 non fa mai diretto riferimento alla tutela dell’ambiente, perché all’epoca il tema pressoché assente dalle agende politiche. Le emergenze climatiche che conosciamo erano del resto ancora in divenire. La giurisprudenza ha colmato quella lacuna nel corso dei decenni, andando a rifinire e arricchire le leggi riguardo l’ambiente. Ma rimane un’indicazione chiara all’interno della Carta.

Gli articoli che devono essere modificati

Il disegno di legge prevede la modifica di tre articoli della Costituzione: 9, 41 e 117. Nel nono, ad esempio, si legge che “la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica”, a cui si vogliono aggiungere anche la “tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni”.

È un passo importante verso la giusta direzione, visto che il peso della Costituzione potrà aiutare a salvaguardare l’ambiente, e punire chi si fa macchina di reati nei confronti degli ecosistemi di questo Paese.

(Foto: Envato)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Comunali 2021, è ufficiale: si vota il 3 e 4 ottobre. Ballottaggi il 17 e 18 ottobre

La ministra dell'interno Luciana Lamorgese ha firmato il decreto: per le comunali si voterà il 3 e 4 ottobre (il 17-18 ottobre i ballottaggi)

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

La sede delle prossime Olimpiadi del 2032 sarà Brisbane, unica città candidata. I Giochi torneranno in Australia a distanza di 32 anni da Sydney 2000.

Ius soli sportivo: cos’è e come funziona lo strumento richiesto dal Coni

Lo Ius soli sportivo prevede la possibilità che giovani stranieri partecipino a competizioni per squadre italiane ma non permette di ottenere la cittadinanza escludendoli dalle convocazioni della Nazionale.

Iscriviti a True Future

Ogni mercoledì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Viaggio nella cittadina del Texas colonizzata da SpaceX

Come Elon Musk ti conquista un paesino texano

Macchine di Google, ecco la città virtuale dove imparano a guidare

Le macchine che si guidano da sole sono realtà. Più o meno. Da Google a Tesla, molte aziende stanno investendo nel settore...

Commercio internazionale, ora mancano anche i pallet

Come il prezzo dei pallet sta mettendo in crisi il commercio globale. Proprio mentre l'economia cerca di ripartire.