Ucraina, carri armati russi su sito di auto usate: tra bufale e ironia web

Ucraina, carri armati russi in vendita tra le auto usate. L'immagine che ha fatto il giro del web: bufala, verità o ironia?

Ucrainacarri armati russi in vendita su sito di auto usate. È virale sul web lo screen dell’assurdo annuncio su un sito dell’usato ucraino, diffuso dal gruppo Telegram Guerra Totale. Notizia vera, bufala o scherzo social?

Ucraina, carri armati russi in vendita tra le auto usate (FOTO)

Un carro armato russo in vendita tra le auto usate. Un episodio tragicomico, che pare sia accaduto in Ucraina, mentre il conflitto è ancora in corso.

La foto, non verificata, arriva dal gruppo Telegram Guerra Totale – Notizie dal fronte, dedicato a continui aggiornamenti sulla guerra tra Russia e Ucraina. Ecco la foto dell’annuncio, che vede il mezzo corazzato in vendita sul sito ucraino alla modica cifra di cinquecento dollari.

Ucraina carri armati russi auto usate

Ma una domanda resta: è verità, finzione o semplice ironia? Non abbiamo purtroppo ulteriori informazioni o conferme sull’immagine che, per quel che sappiamo, potrebbe essere un semplice scherzo. Una ulteriore dimostrazione che anche il web si è schierato contro i russi.

LEGGI ANCHE: Che cos’è Anonymous, il movimento hacker che fa la guerra alla Russia

Tra bufale, fake news e ironia del web: dov’è la verità?

L’informazione e la comunicazione sono da sempre un campo di battaglia fondamentale in qualsiasi guerra.

Oggi specialmente, con l’avvento del web e dei social, questi settori hanno acquisito un’importanza ancora maggiore. Dall’inizio del conflitto tra la Russia e l’Ucraina, fare informazione è diventato particolarmente complicato. Tra notizie non verificate, fake news e montaggi è molto difficile stabilire con certezza cosa sia vero o no. I social complicano molto l’informazione in tempo di guerra, con il proliferarsi di bufale e contenuti creati ad arte, con un filone molto ricco di ironia socialvera e propria propaganda.

Entrambi gli schieramenti, infatti, fanno ampio uso dei mezzi d’informazione moderni. Fin da subito il Cremlino ha cominciato a diffondere voci e video di soldati ucraini che si arrendono e abbandonano le armi, e ha nascondere le notizie delle loro perdite e sconfitte. Nel tentativo di fiaccare la resistenza ucraina, i media russi hanno divulgato la notizia della fuga da Kiev del premier Zelensky, che si è poi mostrato ancora nella capitale. Dall’altro lato, ha preso piede la storia del Fantasma di Kiev, il fantomatico pilota ucraino che avrebbe fatto strage di caccia russi.

Il carro armato distrutto in cerca d’acquirenti, quindi, potrebbe essere sia un simpatico meme che un pretesto per alzare il morale degli ucraini.