Santaché, azienda Visibilia nei guai: la ministra indagata per bancarotta e falso in bilancio ma lei smentisce

Santaché, azienda della ministra del Turismo è finita nei guai giudiziari. Sarebbero in corso cause civile e penale.

Santaché, azienda della ministra finita nei guai giudiziari. Alcune voci danno per indagata anche la ministra tuttavia il suo avvocato e lei hanno immediatamente smentito. Tuttavia, la Visibilia Editore “versa in evidente e manifesto stato di insolvenza”.

Santaché, azienda Visibilia nei guai

Daniela Santachè è la nuova ministra del Turismo e deve fare i conti con l’azienda Visibilia Editore, di cui era prima azionista. Infatti, notizia di poche ora fa che l’azienda “versa in evidente e manifesto stato di insolvenza”.

In un comunicato ufficiale, l’azienda fa sapere che “eserciterà le prerogative difensive entro l’udienza fissata per il 30 novembre” e “contesterà la sussistenza dello stato di insolvenza”.

L’indagine è stata condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Milano è partita da un esposto dei soci di minoranza e ha evidenziato come i bilanci “tra il 2016 e il 2020” abbiano avuto “costanti perdite già a far data dall’esercizio 2016”.

In aggiunta sarebbe sorta anche una causa civile per “gravi irregolarità nella gestione”  ed emergerebbero “false comunicazioni sociali relative ai bilanci, almeno dal 2017, con particolare riguardo alle voci “avviamento” e “imposte anticipate””.

La ministra indagata per bancarotta e falso in bilancio

Nell’istanza della Procura di Milano c’è scritto “liquidazione giudiziale”, ossia di fallimento, presentata al Tribunale fallimentare. Alcune voci danno per indagata anche la ministra tutta via il suo avvocato  Salvatore Sanzo smentisce: ‘‘la sen.

Santanché non risulta indagata in alcun processo penale e da anni non ricopre alcuna carica in Visibilia Editore spa; – non risponde al vero che “sia aperto un fascicolo per ipotesi di bancarotta fraudolenta”, stante l’assenza del presupposto obiettivo della liquidazione giudiziale della società, soltanto ipotizzata in astratto”.

“E’ falso che io sia indagata ha replicato la ministra Santachè-. Querelerò tutti coloro che vicino a Visibilia scrivono Santanchè, visto che io ho venduto tutte le quote.

E peraltro nel caso di specie non solo non è indagata la Santanchè ma non c’è nessun indagato, perché il fascicolo è aperto a ‘modello 45’, quindi senza indagati”.

 

LEGGI ANCHE: Carlo Calenda, è polemica sui finanziamenti di Soros ricevuti da +Europa