Rissa in commissione finanze: insulti e oggetti lanciati tra i deputati. VIDEO

Rissa in commissione finanze: incredibile ma vero, alcuni deputati durante i lavori sulla riforma del fisco sono arrivati al contatto fisico.

Rissa in commissione finanze: tensioni e parapiglia tra i deputati della Camera riuniti per discutere sulla riforma del fisco. Tuttavia, i lavori sono stati sospesi per animi troppo agitati.

Rissa in commissione finanze

Tensioni e faccia a faccia piuttosto movimentati ed animanti tra i deputati in commissione finanze della Camera. Al termine della seduta i lavori sono stati sospesi perché alcuni dei partecipanti sono arrivati quasi allo scontro fisico. Si è dovuto intervenire per separare alcuni deputati dopo la decisione del presidente della Commissione, Luigi Marattin, di sospendere i lavori.

Al centro della discordia la riforma del fisco, con la delega assegnata al governo il cui testo dovrebbe approdare in aula a Montecitorio il prossimo 19 aprile. Un punto che ha influito a scatenare la quasi rissa anche l‘emendamento della Lega che prevede l’esenzione Imu per le case inagibili o occupate abusivamente.

 Insulti e oggetti lanciati tra i deputati. VIDEO

In un video pubblicato dal deputato di Forza ItaliaSestino Giacomoni, in Commissione sono volati fogli, microfoni e anche la campanella del presidente.

Oltre ovviamente agli insulti e al faccia a faccia che non sono mancati.

In particolare, riporta AnsaAlessio Villarosa del gruppo Misto se l’è presa con Marattin, e fra i più agitati viene descritto Marco Osnato, di FdI. “Nella fruttuosa dialettica in commissione VI le vittime sono state per ora un microfono lanciato, un fascicolo lanciato, la campanella del presidente lanciata…”, ha scritto su Twitter il leghista Claudio Borghi. Mentre Giacomoni su Instagram ha commentato: “Come ho detto nel mio intervento in Commissione Finanze questa sera non c’è più ordine, altro che interventi sull’ordine dei lavori.

Dopo il mio intervento, per non votare, il presidente ha sospeso la seduta e si è scatenato l’inferno”.

 

LEGGI ANCHE: Fisco. Mille miliardi “spariti” in 20 anni, altro che condono