Luigi Di Maio candidato come inviato speciale Ue per il Golfo Persico: di cosa si tratta

Luigi Di Maio è candidato come inviato speciale Ue per il Golfo Persico. Nelle ultime ore sembra forte il nome dell'ex ministro degli Esteri.

Luigi Di Maio è candidato come inviato speciale Ue per il Golfo Persico. L’ex ministro degli Esteri con il governo Draghi, sembra addirittura essere il favorito a ricoprire l’incarico tra gli altri candidati. Pronta una nuova sfida, dunque, per l’ex leader di Impegno Civico.

Luigi Di Maio candidato come inviato speciale Ue per il Golfo Persico

Luigi Di Maio è uscito dalla politica italiana in malo modo ma la sua attività sembra non essere terminata anzi è proiettata verso nuovi lidi ed incarichi europei.

Secondo alcune informazioni l’ex ministro degli Esteri sarebbe candidato come Inviato Speciale Ue per la regione del Golfo Persico. Non è il solo perché ci sono altri possibili candidati come Dimitris Avramopoulos (ex commissario europeo), Markos Kiprianos (ex ministro degli Esteri di Cipro) e uno slovacco che ha ricoperto il suo stesso ruolo.

Di cosa si tratta

Di Maio è in corsa ed addirittura è dato come favorito rispetto agli altri candidati per questo incarico.

Sostanzialmente l’Inviato Speciale Ue per la regione del Golfo Persico si occupa di gestire le politiche di approvvigionamento del petrolio, in questa fase critica con la guerra in Ucraina in corso. L’aver ricoperto il ruolo di ministro degli Esteri in Italia con l’appoggio di Mario Draghi poter aver spianato la strada a Di Maio per questo nuovo ruolo che gli permetterà di rimanere nel panorama politico internazionale quando la sua carriera sembrava spacciata.

 

LEGGI ANCHE: L’ex parlamentare Irene Pivetti: “Vivo con 1000 euro al mese”