Live

Lina Wertmuller, i migliori film della regista passati alla storia del cinema

Lina Wertmuller, i migliori film della regista che si è spenta all'età di 93 anni dopo una vita vissuta nel mondo cinematografico.

Lina Wertmuller, migliori film: la regista è morta il 9 dicembre all’età di 93 anni dopo aver dedicato gran parte della sua vita al cinema. Sorprendente è stato l’Oscar ricevuto nella categoria miglior regia. Tanti suoi film si ricordano con alcuni passati alla storia.

Lina Wertmuller, migliori film: quali sono

La vita e la carriera cinematografica di Lina Wermuller sono state ricche e sorprendenti, tante collaborazioni importanti a partire dal 1953 quando è assistente alla regia nel film d’esordio di Virna Lisi, E Napoli canta.

  • Nel 1963 debutta al cinema con I basilischi, pellicola ispirata al paese d’origine di suo padre. “Andando sul set di Salvatore Giuliano di Rosi, in Sicilia, decidemmo – racconterà in seguito – con amici di fare un giro per le cattedrali della Puglia, finimmo al confine con la Basilicata in un paesino che si chiama Palazzo San Gervaso, era quello da cui era venuto mio padre a Roma per fare l’avvocato.

    Non c’ero mai stata. Incontrai zii e parenti ed ebbi l’ispirazione per fare un ritratto del Sud profondo: la borghesia, lo struscio, il rapporto padri figli, ragazzi e ragazze”.

  • Negli anni ’70 inizia la collaborazione con Giancarlo Giannini e Mariangela Melato che sono i protagonisti indiscussi di film destinati a diventare dei veri e propri cult come Mimì metallurgico ferito nell’onore (1972) e Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto (1974). Giannini è presente anche nel film i Pasqualino Settebellezze che ottiene ben 4 nomination all’Oscar, tra cui quella per la miglior regia e il miglior attore.
  • Nel 1978 la Wertmuller entra nel Guinness dei primati per il titolo del film più lungo della storia, ossia per Fatto di sangue fra due uomini per causa di una vedova. Si sospettano moventi politici
  • Nel 1992 sbanca il botteghino con Io speriamo che me la cavo e con Paolo Villaggio protagonista di questa ennesima pellicola dedicata al Sud Italia.
  • Gli ultimi suoi lavori per il cinema sono Ferdinando e Carolina (1999) e Peperoni ripieni e pesci in faccia (2004) con Sophia Loren, mentre per la televisione gira Francesca e Nunziata (sempre con la Loren) e Mannaggia alla miseria che va in onda nel 2010 su Raiuno.

    Sempre in quello stesso anno riceve il David di Donatello alla carriera.

LEGGI ANCHE: Lina Wertmuller morta: la prima donna candidata all’Oscar come miglior regista