Francesca Alotta, chi è la cantante di “Non amarmi”: vita privata, malattia, figli

Chi è Francesca Alotta, vincitrice della sezione Novità di Sanremo 1992 con "Non amarmi". Dalla carriera alla vita privata.

Chi è Francesca Alotta, cantante palermitana vincitrice tra le Novità di Sanremo 1992 con Non amarmi. Figlia d’arte del compianto Filippo Alotta, nel 2021 ha partecipato al Tale e Quale Show. Scopriamo qualche informazione in più sulla sua carriera e vita privata.

Chi è Francesca Alotta, vincitrice tra le Novità di Sanremo 1992 con Non amarmi

Nata a Palermo il primo gennaio 1968, Francesca Alotta ha 55 anni ed è una nota cantante italiana, figlia d’arte del celebre Filippo Alotta, scomparso a soli 62 anni nel 2003. Cresciuta nella musica, comincia a lavorare con la voce già a vent’anni, come corista in vari dischi di artisti italiani. Tra il 1988 e il 1990 si fa vedere a Domenica In con il gruppo tutto al femminile Le Compilations. Nel 1992 comincia a farsi strada da solista, trionfando nella seconda edizione del Cantagiro con Chiamata Urgente. Nello stesso anno partecipa al Festival di Sanremo insieme a Aleandro Baldi con il brano Non amarmi. Il brano trionfa nella sezione Novità della kermesse e lancia Alotta verso il successo.

Nel 1993 ritorna all’Ariston tra i Big con Un anno di noi, ottenendo il decimo posto. Nello stesso anno, diventa una presenza fissa a Domenica In al fianco di Fiordaliso. Nel corso della sua carriera Francesca Alotta diventa un’artista molto apprezzata all’estero, soprattutto a Cuba e in Giappone, e pubblica tre album in studio. Tra le sue apparizioni televisive ricordiamo anche la sua partecipazione nel 2004 a Music Farm, talent show condotto da Amadeus, e all’edizione 2021 di Tale e Quale Show, dove ottiene il primo posto nella categoria donne e il secondo posto nella classifica generale. L’artista ha un profilo Instagram ufficiale che ad oggi conta oltre 22mila follower.

Iscriviti alla nostra newsletter: le notizie e gli approfondimenti, in anteprima

Vita privata: marito, figli

Francesca Alotta parla molto poco della sua vita privata, per cui non ci sono molte informazioni al riguardo. In passato è stata sposata, ma ha divorziato nell’anno del suo successo a Sanremo, nel 1992. Aspettava un bambino da questa persona, ma lo ha perso a causa di una notizia scioccante“Ero innamorata persa. Aspettavo un bambino e l’ho perso quando ho scoperto che lui aveva un’altra situazioneMi tradiva mentre ero incinta. Sono rimasta sola in ospedale quando ho perso il bambino e poi ho deciso di lasciare mio marito”. 

In seguito la cantante ha avuto anche altre storie, ma non tutte sono finite bene. Alotta ha infatti avuto una brutta esperienza con uno stalker“Quando ho chiuso la storia è cominciato lo stalking. Veniva ai concerti con il cappuccio in testa e non era facile cantare in quel modo. Una volta me lo sono ritrovato in casa e all’epoca non c’erano le leggi di adesso e quindi è stato difficile denunciare”.

La lotta con la malattia: “Mi è caduto il mondo addosso, mi sono aggrappata alla fede”

Nel 2020 Alotta, intervistata a Vieni da me, ha parlato della sua lotta contro un tumore“È l’ennesima battaglia, quando stai rischiando la tua vita ti rendi conto di quanto essa sia preziosa. Le mie amiche staranno insieme a me in questi mesi mentre farò la radioterapia”. È stato un periodo difficile per l’artista, superato soprattutto grazie alla sua fede, che le ha permesso di andare avanti: “Era molto esteso, sono stata operata d’urgenza. Avevo dei disturbi ‘intimi’ ma il mio ginecologo non aveva capito di cosa si trattasse. Una mia amica mi ha consigliato di cambiare subito medico, l’ho fatto e mi è stato diagnosticato un tumore maligno all’utero che era già molto esteso. Mi è crollato il mondo addosso. Sono stata operata d’urgenza e ho fatto la radioterapia. Mi sono aggrappata alla fede e mi è stata di grande aiuto“. Oggi la cantante va avanti più forte di prima: “Esperienze così terribili possono avere conseguenze positive. Dopo la malattia io mi sento una donna nuova, ho imparato a volermi bene e ad apprezzare appieno le piccole e grandi gioie di ogni giorno”.