Facts Covid, vaccino in Lombardia per 40enni e 50enni: quando e come prenotare

Covid, vaccino in Lombardia per 40enni e 50enni: quando e come prenotare

La campagna vaccinale anti Covid in Lombardia ha subito un’accelerazione che l’ha portata a raggiungere un record di oltre 110 mila somministrazioni al giorno, cosa che permetterà alla regione di terminare entro breve tempo l’immunizzazione dei soggetti con più di 70 anni per poi passare alla fascia d’età 60-69 che ha già iniziato a prenotarsi. I 40enni e i 50enni (e chi ha un’età inferiore) dovranno invece attendere l’estate per poter ricevere il vaccino: quando e come possono prenotarlo?

Vaccino Covid Lombardia per 40enni e 50enni: quando prenotarlo

Secondo il calendario stilato dalla regione i cittadini lombardi appartenenti alla fascia 50-59 anni potranno iniziare a prenotare il vaccino a partire dal 10 maggio. La vaccinazione vera e propria avverrà però nell’arco temporale compreso tra il 10 giugno e il 16 luglio (la data di termine dell’immunizzazione può variare a seconda del numero di dosi disponibili).

Per quanto riguarda i 40enni e tutti i cittadini di età inferiore a 49 anni, l’avvio della prenotazione del vaccino è previsto per giovedì 20 maggio, “garantendo la possibilità di vaccinarsi alla fascia anagrafica 40-49 “ai primi di giugno”, come ha spiegato il coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia, Guido Bertolaso. Poi “l’ipotesi è di aprire le prenotazioni ai 30-39 anni dal 27 maggio”. 

Ci sono però delle eccezioni che riguardano i cittadini che posseggono un’esenzione per patologia. I soggetti fragili di età compresa tra 50 e 59 anni possono infatti già prenotare il proprio vaccino dal 28 aprile mentre per coloro che appartengono alla fascia 16-49 anni la prenotazione è iniziata il 1° maggio. Questo perché in caso di contrazione del Covid possono sviluppare forme gravi e si è dunque deciso di vaccinarli con priorità. Le patologie incluse in questa fase sono le seguenti:

  • malattie respiratorie
  • malattie cardiocircolatorie
  • malattie neurologiche
  • diabete/altre endocrinopatie
  • HIV
  • insufficienza/patologia renale
  • ipertensione arteriosa
  • malattie autoimmuni/immunodeficienze primitive
  • malattie epatiche
  • malattie cerebrovascolari
  • patologie oncologiche

Se per questi ultimi soggetti si ricorrerà all’utilizzo dei vaccini Pfizer e Moderna, non è noto con certezza quale dei quattro vaccini attualmente disponibili verrà somministrato a chi non soffre di patologie ma ha meno di 60 anni. Se infatti gli enti regolatori italiano ed europeo (Aifa ed Ema) hanno raccomandato AstraZeneca e Johnson & Johnson per i soggetti over 60, il commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo ha aperto alla possibilità di impiegarlo anche per chi ha meno di 60 anni. Gli under 50 potrebbero quindi poter ricevere non solo Pfizer e Moderna ma anche gli altri due sieri.

Vaccino Covid Lombardia per 40enni e 50enni: come prenotarlo

Sono diverse le modalità con cui è possibile prenotare il vaccino anti Covid. I cittadini che appartengono alle fasce per cui è aperta la prenotazione possono infatti chiamare il numero verde gratuito 800.894.545, recarsi presso uno sportello Postamat Poste Italiane, prenotarsi attraverso i portalettere oppure seguire la procedura online. Qui i dettagli con i relativi passaggi da effettuare per ognuna delle suddette procedure.

Vaccino Covid, prenotare con Postamat Poste Italiane

Questa la procedura da seguire:

  • recarsi ad uno dei Postamat Poste Italiane (anche se non si è cliente Poste) munito di Tessera Sanitaria in corso di validità e cellulare;
  • premere il tasto 6 sullo schermo per cominciare;
  • inserire la Tessera Sanitaria;
  • digitare il CAP del Comune di residenza e il proprio numero di cellulare;
  • scegliere un appuntamento dalla lista di quelli disponibili: una volta selezionato sullo schermo comparirà il riepilogo con luogo, giorno e ora della vaccinazione;
  • confermare l’appuntamento inserendo il codice numerico ottenuto via SMS;
  • ritirare il promemoria.

Vaccino Covid, prenotare con portalettere

Anche i portalettere possono effettuare la prenotazione del vaccino a proprio nome. Quando consegnano un pacco o una raccomandata è infatti possibile fornire loro provincia, comune e CAP di residenza nonché numero di cellulare e codice fiscale. L’addetto mostrerà la lista degli appuntamenti disponibili, tra cui sarà possibile scegliere e confermerà quello di proprio gradimento. Rilascerà poi una ricevuta cartacea con il riepilogo dei dati della prenotazione che verranno anche recapitati via SMS al numero di telefono fornito.

Vaccino Covid, prenotare online

L’ultima modalità per prenotare la somministrazione dell’antidoto anti Covid è recarsi sul sito prenotazionevaccinicovid.regione.lombardia.it ed effettuare la prenotazione online. Questi i passaggi da seguire non appena apparirà la schermata dedicata:

  • inserire negli appositi campi il numero della Tessera Sanitaria e il proprio codice fiscale selezionando il consenso al trattamento dei dati personali per poi cliccare “Accedi” e proseguire;
  • inserire negli spazi appositi provincia, comune e CAP di residenza, il numero di cellulare su cui si vuole ricevere la conferma con i dati della prenotazione e la data di nascita: cliccare su “Cerca” per andare avanti;
  • il sistema mostrerà data, orario e indirizzo dei centri vaccinali disponibili per effettuare la vaccinazione: selezionare quelli che si preferiscono e cliccare su “Conferma”;
  • inserire il codice ricevuto sul numero di cellulare indicato e cliccare su “Conferma”;
  • sarà ora possibile visualizzare tutti i dettagli della prenotazione, che verranno inviati anche via SMS;
  • cliccare su “Stampa” se si desidera avere la ricevuta della conferma di prenotazione e su “Chiudi” per terminare l’operazione. 

Più articoli dello stesso autore

Ristoranti con dehors? Zona rossa o zona bianca, è beffa per i commercianti di Milano: ora non si trovano i materiali

Gazebo, teli e materie prime sono introvabili. Gli imprenditori: "Attendo da 2 mesi". Così la decisione è diventata un boomerang

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Notizie Correlate

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...