Chi è Gian Pieretti, paroliere e cantautore anni ’60: vita privata e carriera

Chi è Gian Pieretti, noto cantautore e paroliere degli anni '60. Tutto sulla vita dell'autore, dagli esordi al successo.

Chi è Gian Pieretti? Noto cantautore e paroliere negli anni ’60-’70, oggi ha 81 anni e lavora ancora nel mondo musicale. Scopriamo qualcosa di più sulla vita privata e la carriera dell’artista.

Chi è Gian Pieretti, vita privata e carriera

Dante Luca Pieretti, in arte Gian Pieretti, è nato il 12 Maggio 1940 a Ponte Buggianese, in provincia di Pistoia. È un cantautore e paroliere divenuto famoso negli anni ’60 e ’70.

Comincia la sua carriera nel 1959, suonando per I Satelliti, gruppo di accompagnamento del celebre cantante rock italiano Ricky Gianco. Scrive e compone diversi brani proprio accanto all’artista lombardo, che li incide.

In quegli anni, Pieretti si esibisce anche con un suo gruppo di accompagnamento, noto prima come I Grifoni e poi come Quelli, dalle cui ceneri nascerà poi, nel 1971, la Premiata Forneria Marconi. Pieretti raggiunge un discreto successo nel 1966, culminato in una partecipazione a Sanremo nel 1967.

In coppia con Antoine porta il brano Pietre che si piazza all’ottavo posto nella classifica finale. Nel 1967 pubblica anche il suo primo album, Se vuoi un consiglio, per l’etichetta Vedette, contenente tutti i 45 giri incisi in quegli anni e diversi brani inediti. Passa poi alla Dischi Ricordi, per la quale incide brani di successo come Felicità felicità Celeste e pubblica, nel 1969 il suo secondo album, Il viaggio celeste di Gian Pieretti.

Nel corso della sua carriera, si cimenta anche come produttore musicale compositore. Mette la sua penna al servizio di molti musicisti di successo, tra cui Wilma GoichI Nuovi Angeli Bobby Solo, e scrivendo insieme ad autori del calibro di Mogol. Ha collaborato persino con Mick Jagger Keith Richards, pilastri dei Rolling Stones, per la realizzazione del brano A capo chino, cantato poi da Mark Richards. Nel 2019 pubblica Nobel, suo quattordicesimo album in studio, contenente undici tracce del repertorio di Bob Dylan, con testo scritto dallo stesso Pieretti.