Bollette, bonus sociale luce e gas 2022: come funziona

Bollette, ecco come funziona il Bonus Sociale Luce e Gas 2022. Tutte le informazioni necessarie sulla nuova misura governativo.

Bollettecome funziona il Bonus Sociale 2022Ecco tutte le informazioni sul nuovo incentivo a sostegno di famiglie e imprese contro i rincari di luce e gas. 

Bollette: come funziona il Bonus Sociale Luce e Gas 2022?

Il Bonus Sociale Elettricità e Gas è una misura introdotta nel 2022 per ridurre l’impatto del rincaro energetico sulle famiglie e le imprese italiane. Si tratta di un intervento da 16 miliardi di euro, stanziati dal Governo con la Legge di Bilancio 2022, che da la possibilità a milioni di famiglie di beneficiare di uno sconto in bolletta.

Gli ulteriori aumenti dei costi di gas ed energia in seguito al conflitto in Ucraina, hanno portato il Governo ad allentare i requisiti per accedere al bonus, stanziando altri 4 miliardi di euro ed allargando il numero delle famiglie idonee.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ha infatti ampliato i requisiti necessari per accedere al Bonus Sociale Elettricità e Gas, estendendolo alle famiglie con un ISEE inferiore ai 12mila euro.. L’annuncio arriva sul sito del ministeroDal primo aprile e fino al 31 dicembre 2022, milioni di famiglie potranno ora accedere al Bonus sconto in bolletta per luce e gas. Oggi è infatti partita la campagna informativa nazionale di contrasto ai rincari energetici, che promuove l’accesso allo sconto in bolletta per milioni di famiglie in Italia”.

LEGGI ANCHE: Bonus sociale 2022: come richiederlo, a quanto ammonta, quanto dura

Come richiedere l’incentivo?

Per accedere allo sconto in bolletta basta presentare la Dichiarazione Sostitutiva Unica ottenere l’attestazione ISEE. Il Ministero assicura che l’accesso al Bonus è automatico, in quanto basato sul Sistema Informativo Integrato Nazionale. La DSU può essere presentata direttamente online, sul sito ufficiale dell’INPS, accedendo al proprio profilo MyINPS e usando la funzione ISEE Precompilato. In alternativa, si può chiedere supporto a un qualsiasi CAF, Centro di Assistenza Fiscale.

Una volta acquisita la Dichiarazione, l’INPS valuterà in automatico le famiglie con i requisiti ISEE necessari ad accedere al beneficio. I dati vengono inviati direttamente all’Acquirente Unico, ente che collabora direttamente con ARERA, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.

LEGGI ANCHE: Bollette luce e gas: quando arrivano?