Sports Una Serie A di spilorci e falliti fa austerity sui tamponi

Una Serie A di spilorci e falliti fa austerity sui tamponi

Dopo il “caso Lazio” la Serie A aveva promesso serietà sulle quarantene e tamponi. Ma i club in dissesto finanziario hanno già rinunciato ai buoni propositi

di redazione

“Passata la festa, gabbato lo Santo”, che nel mondo iper professionistico (ma anche un po’ artigianale) della Serie A italiana si può tradurre in “passato lo scandalo, si torna all’antico”. Lo scandalo era quello sollevato dalla procura di Avellino per i tamponi della Lazio prima positivi, poi negativi, quindi ancora positivi in un balletto su cui i magistrati stanno cercando di fare chiarezza prima che anche la giustizia sportiva dica la sua. Un guaio di immagine, oltre che dalle ricadute sanitarie non facilmente prevedibili, che aveva convinto i presidenti a promettere a tutti, Governo compreso, che la lezione sarebbe stata mendata a memoria e avrebbe provocato un radicale mutamento delle abitudini. Tradotto: basta quarantene soft a casa, versione ultralight di quanto deciso in giugno pere garantirsi il via libera al ritorno in campo, e soprattutto centrale unica dei tamponi così da azzerare disparità di trattamento. Trascorso un mese esatto dallo scoppio del caso Lazio i buoni propositi sono rientrati. La quarantena con isolamento del gruppo squadra non è mai passata anche perché le società che hanno a disposizione foresterie e centri sportivi adeguati sono la minoranza, i tamponi centralizzati anche. Il motivo? Costano troppo e i club che già sono alle prese con una situazione finanziaria pre-fallimentare causa Covid tirano la cinghia su tutto. E’ stato calcolato che nella prima fase (quella estiva) ogni club abbia sborsato mediamente 160.000 euro per pagare i test ogni quattro giorni ai propri calciatori. In autunno la frequenza e i costi sono leggermente diminuiti, ma di affidarsi a un centro unico non se ne parla. I preventivi hanno spaventato i padroni del vapore calcistico. Avanti tutta in ordine sparso. All’antica. Fino al prossimo scandalo e alla prossima promessa.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...