Sports The Wolf of Serie A, ecco i manager paperoni del calcio italiano

The Wolf of Serie A, ecco i manager paperoni del calcio italiano

Costano come giocatori di fascia media, lontani dagli stipendi dei top player, ma incidono sui destini di squadre e società più di un buon centravanti. Nel bene e nel male. Ecco la classifica degli stipendi dei manager della Serie A, quelli che governano la baracca, fanno il mercato, si presentano davanti ai microfoni per dettare la linea dei club e spesso fanno da cuscinetto tra gli umori dei tifosi e le esigenze delle rispettive proprietà. True Sport ha già raccontato lo scorso 11 dicembre il meccanismo dei compensi del Cda del Napoli, in gran parte devoluti alla famiglia De Laurentiis. Oggi dà conto dei guadagni degli altri top manager spulciando nelle carte dei bilanci al 30 giugno 2020 con un paio di avvertenze. La prima è che non tutte le voci possono essere facilmente ricostruibili e, quindi, qualche bonus può essere stato perso per strada. La seconda è che per qualcuno si tratta di stime. Il più ricco di tutti è certamente Ivan Gazidis, plenipotenziario della famiglia Singer a capo del Milan: 3,150 milioni di euro lordi a stagione. Dietro di lui il patron e presidente del Verona, Maurizio Setti (3,061 lordi) e Fabio Paraticix, capo dell’area tecnica della Juventus (2,884). In zona podio c’è anche Beppe Marotta, amministratore delegato dell’area sportiva Inter: ha uno stipendio da circa 1,5 milioni netti che al lordo fanno poco meno di 2,7. Il suo direttore sportivo Piero Ausilio arriva a 1,750, sempre lordi. E gli altri? Ufficialmente non c’è più nessuno sopra il milione. Appena sotto arrivano Guido Fienga (ad Roma) con 750.000 euro e il suo direttore generale – ora uscito dal club – Mauro Baldissoni che ne ha presi 714.000. Lotito e Scaroni, presidenti di Lazio e Milan, viaggiano sui 600.000 euro e precedono i vertici della Juventus: Andrea Agnelli (502.000 euro) e Pavel Nedved (475.000).

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Coca Cola, a Cristiano Ronaldo non piace e la oscura. Ma l’episodio è grave (non da ridere)

Il gesto di Cristiano Ronaldo di nascondere la Coca Cola, uno dei partner ufficiali della Uefa, è grave e illegittimo

Tutti i nuovi social network a cui iscriversi

Da Poparazzi a NewNew passando per BeReal

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Coca Cola, a Cristiano Ronaldo non piace e la oscura. Ma l’episodio è grave (non da ridere)

Il gesto di Cristiano Ronaldo di nascondere la Coca Cola, uno dei partner ufficiali della Uefa, è grave e illegittimo

Inter e Giorgio Armani, quella voglia (smentita) del re della moda in nerazzurro

Giorgio Armani all’Inter per ripetere quanto fatto con l’Olimpia del basket? Una voce che gira a Milano e c'è chi ci spera...

Europei 2021 Wags italiane: chi sono le mogli e le fidanzate dei calciatori azzurri

Sono cominciati da venerdì 11 giugno gli Europei 2021 e l’attenzione è stata tutta concentrata sui primi incontro in campo, sul calendario...

Maurizio Costanzo alla Roma come nuovo capo comunicazione: primo calcio con il piede sbagliato

Maurizio Costanzo nuovo capo della comunicazione della Roma targata Josè Mourinho: che sorpresa (per lo staff giallorosso)

Superlega, dopo lo stop alla Uefa che cosa fanno i club pentiti?

Ufficialmente sono fuori dal progetto della Superlega, vincolati dal patto siglato con la Uefa per limitare le sanzioni a una piccola multa. Ma Milan, Inter e le altre fuoriuscite...