Sports Quando la Superlega voleva farla Berlusconi (che ora tace)

Quando la Superlega voleva farla Berlusconi (che ora tace)

Nel coro degli indignati speciali contro la Super League o il calcio dei ricchi spicca, per assenza, la voce dell’uomo che oltre un quarto di secolo fa sognava di fare quello che Agnelli ha fatto oggi: mettere insieme i club più ricchi e titolati d’Europa e farli sfidare in continuazione per moltiplicare emozioni, sfide e soldi. Silvio Berlusconi non ha preso parte al dibattito contro la ‘sporca dozzina’ (così ribattezzati in Inghilterra i 12 fondatori della Superlega). Zitto. Non lo ha smosso nemmeno la levata di scudi della politica italiana, compatta nel denunciare l’avidità di Agnelli e degli altri e nell’evocare la necessità di salvaguardare la meritocrazia; come se questo Paese fosse la patria della meritocrazia e non quel miscuglio di convenienze e compromessi che conosciamo.

Berlusconi zitto e dagli archivi esce una sua intervista del 1988 nella quale già spiegava come nelle coppe europee “prevalga l’imponderabile” e questo è un problema per chi investe: “Dobbiamo trasformarle in un campionato continentale, con certezze gestionali ed economiche per le società”. In poche parole “andremmo a giocare sempre a Madrid, Barcellona e Lisbona e non in qualche paesino sperduto di provincia”.

Berlusconi “pioniere” della Superlega

Era così convinto dall’idea che qualche anno più tardi aveva messo a studiarla alcuni degli uomini migliori a lui legati: Paolo Taveggia, Rodolfo Echt (poi pioniere con Tele+), Andrea Locatelli e il compianto Marco Bogarelli. Il format del ‘Progetto Gandals’ – così era stato chiamato il dossier – prevedeva un nucleo di 12 grandi club europei come fondatori e due livelli: una superlega d’elite dove far confluire le squadre con meriti sportivi acquisiti nel corso degli anni e poi una Pro-Cup dove mettere le altre in un sistema aperto, che non precludeva dalla partecipazione ai campionati nazionali (anzi) e che si poggiava su un processo di divisione dei ricavi dai nascenti diritti televisivi il più possibile largo. Non è esattamente la fotocopia della Super League appena partorita, ma i punti di contatto sono molti.

Non se ne fece nulla perché la Uefa corse ai ripari e modificò rapidamente il format della Champions League che da pochi anni aveva preso il posto della vecchia Coppa dei Campioni. Diede più slot a nazioni e squadre guida, allungò i calendari e fece arrivare una pioggia sempre crescente di denaro nelle casse dei club che cominciarono a sostenere costi sempre più alti. L’inizio della strada percorsa fino ai giorni nostri e alla notte dei lunghi coltelli che ha portato allo scisma della Super League.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Federica Pellegrini eletta nella commissione atleti del CIO: resterà in carica fino al 2028

Federica Pellegrini è stata eletta nella Commissione Atleti del CIO, insieme a Pau Gasol(cestista), Maja Wloszczowska (ciclismo), Yuki Ota (scherma). Un risultato di enorme prestigio per la Divina del nuoto. Sarà una delle voci degli Atleti, resterà in carica fino a Los Angeles 2028.

Olimpiadi, Lorenzo Zazzeri derubato appena rientrato da Tokyo

Lorenzo Zazzeri è stato derubato dei suoi ricordi olimpici ma non della medaglia d'argento vinta a Tokyo 2021. Tornato nella sua Firenze si era recato in piscina a festeggiare, nel frattempo qualcuno gli ha sottratto il borsone con i suoi ricordi dell'esperienza di Tokyo

Inter, Romelu Lukaku al Chelsea? Ecco quanto vale la sua vendita

I conti reali dietro alla cessione da parte dell'Inter di Romelu Lukaku al Chelsea e sulle necessità di fare cassa

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Inter, Romelu Lukaku al Chelsea? Ecco quanto vale la sua vendita

I conti reali dietro alla cessione da parte dell'Inter di Romelu Lukaku al Chelsea e sulle necessità di fare cassa

Vanessa Ferrari, quale futuro? La ginnasta in bilico tra Parigi 2024 e il ritiro

Il futuro Vanessa Ferrari è ancora in bilico ed incerto. Dopo la medaglia d'argento nel corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo ci sarà un tempo di riflessione per l'atleta azzurra.

Romelu Lukaku via dall’Inter (direzione Chelsea)? La strada ormai è tracciata

I giorni in neroazzurro di Romelo Lukaku paiono agli sgoccioli: il cartellino del calciatore vale parecchio, e l'Inter punta a incassare

Le sedi delle prossime olimpiadi? Ecco quali città le ospiteranno (e chi sta pensando di candidarsi)

Quali saranno le città che ospiteranno i prossimi giochi olimpici? Fino al 2032 le Olimpiadi sono già state assegnate, e fioccano candidature in vista del 2036

Marcell Jacobs guadagnerà come un calciatore (anche grazie a Fedez)

Marcell Jacobs guadagnerà tanto dopo la medaglia d'oro conquistata alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Solo la medaglia potrebbe valere fino a 5 milioni di euro.