Roberto Mancini, dimissioni o esonero? Cosa succede ora sulla panchina dell’Italia

Roberto Mancini, dimissioni o esonero ma anche la possibilità di continuare con l'attuale ct. Una terza strada da considerare.

Roberto Mancini, dimissioni o esonero? Una domanda che molti si stanno facendo dopo la sconfitta contro la Macedonia del Nord e l’addio ai Mondiali in Qatar. Ancora presto per dirlo, ma a giorni si faranno le giuste valutazioni.

Roberto Mancini, dimissioni o esonero?

Dopo la sconfitta contro la Macedonia del Nord, nell’intervista post gara, Roberto Mancini ha commentato così la sua situazione: “Il futuro? Adesso vediamo, ora penso che la delusione sia troppo grande per parlare di futuro.

A livello umano posso dire che voglio più bene ai ragazzi stasera che a luglio e per questo momento di difficoltà il mio affetto è più grande. Ora è difficile parlare dei prossimi mesi, la delusione è grandissima, ci vorrà tempo, i giocatori sono bravi e c’è speranza”. 

Si faranno le giuste valutazioni nei prossimi giorni sulla situazione dell’attuale ct campione d’Europa. Da non escludere nessuna ipotesi, perché dopo una disfatta simile contro una squadra meno forte tecnicamente e sul piano della qualità, tutto è possibile.

Esonero o dimissioni: il tempo e le valutazioni che verranno fatte, potranno rispondere. Per ora sono solo ipotese o idee dettate dal momento deludente intorno alla Nazionale.

Cosa succede ora sulla panchina dell’Italia

Ora succede che l’Italia giocherà l’inutile gara contro la Turchia e poi si penserà al futuro prossimo della panchina azzurra in particolare. La prima volontà sarà quella di confrontarsi con Mancini e capire come proseguire.

Il presidente federale Gravina ha ribadito la fiducia nel CT: “Mi auguro che Roberto Mancini continui con noi e non si dimetta. Ha un impegno a livello di progetto, mi auguro che smaltisca le scorie di questa eliminazione come tutti gli altri italiani e che resti alla guida della Nazionale per continuare il nostro lavoro. Io ho ancora tante energie”. 

Poi ci sono altre possibilità e altri nomi che già si inseriscono in una possibile rosa per il post Mancini.

Il primo nome uscito è stato quello di Fabio Cannavaro supportato da Lippi. Poi ci sono i nomi di Carlo Ancelotti se la seconda esperienza in Spagna non dovesse proseguire bene. Da non escludere l’esperto Claudio Ranieri così come Max Allegri, anche se il progetto con la Juve è stato impostato su più anni nonostante i risultati.

LEGGI ANCHE: Italia-Turchia perché si gioca nonostante la sconfitta con la Macedonia de Nord