Rissa tra Zenit e Spartak: la partita finisce con 6 espulsi, invasione di campo, pugni e calci

Rissa tra Zenit e Spartak durante la partita di Lega. Incredibile ciò che succede in campo tra i giocatori e staff delle due squadre.

Rissa tra Zenit e Spartak: domenica sera 27 novembre va in scena la partita di Coppa di Lega tra le due squadre russe. La partita finirà ai rigori ma a far parlare non è il calcio giocato ma le botte che si sono dati i giocatori.

Rissa tra Zenit e Spartak: la partita finisce malissimo

La partita di Coppa di lega russa tra Zenit San Pietroburgo e Spartak Mosca finisce malissimo. Prima dei supplementari e dei rigori, è scoppiata una rissa in campo prima tra i giocatori delle due squadre. Una sorta di guerriglia che ha fatto il giro del mondi calcistico e non solo.

6 espulsi, invasione di campo, pugni e calci

Alla fine si contano almeno 60 persone coinvolte nella rissa. L’arbitro ha cercato inutilmente di portare la calma, poi dopo ha estratto una serie di cartellini rossi. Alla fine si è giocato 8 contro 8 ma la guerriglia che si è scatenata in campo è stata fuori da ogni logica e giustificazione. Invasione di campo, calci, pugni che hanno ancora una volta macchiato tutti i valori positivi di questo sport. Intanto, sugli spalti i tifosi riprendevano con i propri cellulari e magari qualche bambino assisteva anche all’ignobile scena in campo.

 

LEGGI ANCHE: Adani, telecronaca da tifoso durante Argentina-Messico: polemiche ed attacchi nei suoi confronti