Nizza-Colonia, scontri tra tifosi: un’ora di ritardo del calcio d’inizio e sette feriti

Nizza-Colonia, scontri tra i tifosi prima della partita sia fuori sia dentro lo stadio. Le autorità locali riferiscono di sette feriti.

Nizza-Colonia, scontri tra le due tifoserie dentro e fuori lo stadio. Una vera e propria guerriglia che ha portato anche ad alcuni feriti, oltre a danneggiamenti alla città nel pomeriggio. Le autorità locali hanno riferito di sette feriti di cui uno in grave condizioni. Il match. iniziato con un’ora di ritardo, è finito in parità con il risultato di 1 a 1.

Nizza-Colonia, scontri tra tifosi: un’ora di ritardo del calcio d’inizio

Nella partita di Conference League tra Nizza e Colonia è andata in scena una vera e propria guerriglia tra i tifosi con le immagine che hanno fatto vergognare il calcio. Gli incidenti sono scoppiati già nel primo pomeriggio, quando il centro della città francese è stato invaso dai tifosi tedeschi.

Sempre nel pomeriggio, il negozio ufficiale del Nizza in centro è stato preso d’assalto e danneggiato dagli ultrà tedeschi che poi sono arrivati piuttosto ubriachi allo stadio con la volontà di arrivare allo scontro con i tifosi tedesco.

Per questo i responsabili Uefa hanno deciso di iniziare la partita un’ora dopo, posticipando il fischio d’inizio alle ore 19.40

Il bollettino: 7 feriti di cui uno grave

Le immagini che hanno fatto più impressioni sono quelli all’interno dello stadio, perché ripresi appunto dalle telecamere. Dopo i disordini del pomeriggio,  gli scontri sono ripresi in serata sugli spalti, quando alcuni tifosi del Colonia con sciarpe e passamontagna a coprire il volto, sono usciti dalle tribune a loro riservate ed hanno invaso quelle dei tifosi di casa.

Gli agenti sono stati costretti ad utilizzare anche i gas lacrimogeni per disperdere la folla.

Sette i feriti, secondo gli ultimi aggiornamenti dei media locali. Le autorità hanno anche confermato che uno dei feriti è in gravi condizioni per i traumi alla testa e al torace riportati in seguito a un volo di cinque metri dalla tribuna.

 

 

LEGGI ANCHE: Kvica Kvaratskhelia, mica male il bigliettino da visita del georgiano