Lewis Hamilton e Serena Williams vogliono il Chelsea. Il pilota: “Si, è vero”

Lewis Hamilton e Serena Williams interessati al Chelsea: i due sportivi fanno parte di un consorzio molto interessato all'acquisto del club.

Lewis Hamilton e Serena Williams vicini al Chelsea: i due campioni sportivi farebbero parte di un consorzio molto vicino all’acquisto del club londinese.

Lewis Hamilton e Serena Williams vogliono il Chelsea

Tutto vero: Lewis Hamilton e Serena Williams vogliono partecipare alla compravendita del Chelsea. Dopoché l’ex proprietario russo Roman Abramovich è stato costretto a mettere in vendita il club londinese, diverse cordate hanno avanzato proposte per l’acquisto.

Tra le tante cordate fortemente interessate, c’è quella del Broughton.

Il campione inglese di Formula 1 avrebbe investito 10 milioni di sterline (circa 8,3 milioni di euro) nella cordata, la stessa cifra versata dalla tennista Serena Williams. Sir Martin Broughton è l’ex presidente del Liverpool FC e British Airways. I due campioni sono stati scelti da questo consorzio anche per la loro esperienza negli investimenti. 

Infatti, la tennista ha il Serena Ventures, il fondo di capitale di rischio della star del tennis, che ha annunciato un investimento in Opensponsorship, una start-up di tecnologia sportiva con sede in Gran Bretagna, mentre Hamilton ha sostenuto una serie di altre start-up come Zapp, la drogheria rapida con sede a Londra.

Il pilota inglese conferma: “Le voci sul Chelsea sono vere”

Lo stesso pilota di Formula 1 ha confermato l’interessamento e il suo coinvolgimento: “Le voci sul Chelsea sono vere. Sono un fan del calcio da bambino, gioco da quando avevo 4 anni – ha dichiarato il pilota Mercedes -. Mi ricordo che a 5-6 anni tifavo Arsenal, mentre mio zio sosteneva il Chelsea. In generale però sono un appassionato di sport e questa sarebbe una grande opportunità”.

Lewis ha poi confermato anche il coinvolgimento di Serena Williams: “Ne abbiamo parlato diverse volte, abbiamo un rapporto molto stretto, lei è un’atleta e una donna fenomenale. Mi ha chiesto cosa ne pensassi e io le ho detto che volevo esserne coinvolto e anche lei ha deciso di esserla, quando ho sentito questa opportunità ho detto ‘wow” e ho cercato di coglierla”.

LEGGI ANCHE: Chelsea, il fallimento è possibile: dalla vendita ai beni congelati