Live

Leonardo Spinazzola: iniziata l’operazione al tendine di Achille per l’azzurro

L'azzurro Leonardo Spinazzola è volato in Finlandia per l'operazione al tendine d'Achille. E a breve inizierà la riabilitazione

Leonardo Spinazzola, il calciatore della nazionale italiana e della Roma, non ha perso tempo. Infortunatosi al tendine d’Achille durante la partita degli europei con la nazionale italiana venerdì scorso contro il Belgio, è volato nella giornata di ieri in Finlandia insieme alla moglie e al medico sociale giallorosso, il dottor Manara, per sottoporsi immediatamente all’intervento.

Spinazzola, l’operazione in Finlandia

Spinazzola si è recato in Finlandia per farsi operare dal professor Sakari Orava, considerato un esperto per le operazioni di questa tipologia. La diagnosi dell’infortunio è quella della rottura sottocutanea in zona terzo mediale del tendine d’Achille del piede sinistro. Un intervento complesso che in altri tempi avrebbe dichiarato la fine dell’attività agonistica per un calciatore. Oggi però è possibile rientrare a giocare seppur dopo diversi mesi. L’intervento, secondo quanto riporta l’agenzia ANSA, è iniziato in queste ora all’Hospital NEO di Turku.

I tempi di recupero dopo l’operazione per Spinazzola

Dopo l’operazione, Spinazzola penserà soltanto a rientrare in campo. L’obiettivo? Rientrare a pieno regime nel girone di ritorno del prossimo campionato di Serie A. Quindi, nei primi mesi del 2022. I tempi saranno valutati in corso d’opera ma serviranno almeno sei mesi. Dopo le lacrime viste in Tv, si spera di rivedere quanto prima lo splendido sorriso di un ragazzo di soli 28 anni.

Il sogno di Spinazzola immediatamente dopo l’operazione?

Spinazzola è stato un assoluto protagonista nel cammino della nazionale italiana agli europei. E vorrebbe continuare a sostenere la squadra seppur moralmente. Non solo un suo desiderio ma anche quello dei compagni che fin da subito sono stati vicini a Spinazzola, in campo durante i soccorsi ma anche successivamente intonando cori per lui sull’aereo del ritorno in Italia dopo la partita. L’appuntamento ideale sarebbe quello alla finale dell’11 luglio a Wembley. Bisogna però aspettare sia l’ok dei medici ad operazione conclusa sia la vittoria dell’Italia domani contro la Spagna.