Le pagelle del calciomercato invernale: grossi colpi e grandi flop

Sessione di mercato praticamente perfetta per qualcuno, scelte troppo azzardate per altri: come è andato il calciomercato? Le pagelle di True-News

La chiusura del calciomercato invernale impone doverose riflessioni e analisi accurate. Tra promossi e bocciati è tempo di voti, ecco a voi il Pagellone targato TrueNews.

Juventus voto 9 – Sessione di mercato praticamente perfetta per Federico Cherubini, che piazza due colpacci con Dusan Vlahovic e Denis Zakaria. Con loro l’ingresso in Champions diventa scontato. Molto interessante anche l’acquisto di Federico Gatti in prospettiva. In uscita la società bianconera riesce a cedere dopo lunghe resistenze l’esubero Aaron Ramsey.

Chapeau 

INTER voto 8 – la capolista esce ancora più forte dal mercato di gennaio grazie alle mosse di Marotta e Ausilio, che allungano le panchina con un pupillo di Simone Inzaghi come Felipe Caicedo e prendono un titolare per il presente e sopratutto per il futuro (con probabile addio di Perisic…) a sinistra come Robin Gosens. In prestito con obbligo di riscatto. Tradotto: lo pagheranno nel 2023. Senza dimenticare il rinnovo di Brozovic in arrivo a suggellare un mese quasi perfetto per i colori nerazzurri.

 

MILAN Voto 5 – Il giovane Lazetic è troppo poco per fare un salto di qualità. Serviva qualcosa in difesa e a centrocampo, ma dopo tanto contatti alla fine non è arrivato nessuno. Una scelta azzardata e che potrebbe costare caro. Unica consolazione per il mondo rossonero il rinnovo di Theo Hernandez fino al 2026 in arrivo…

Napoli voto 5,5 – è arrivato Axel Tuanzebe come rincalzo in difesa al posto di Kostas Manolas, per il resto una sessione di mercato da spettatore per Giuntoli.

Tutta colpa della spending review impostata dal presidente Aurelio De Laurentiis. Mezzo voto in meno per l’addio di Insigne…

Roma voto 6,5 – bene gli acquisti di Sergio Oliveira e Maitland Nails, forse sarebbe servito un altro rinforzo a metà campo, ma Diawara ha rifiutato tutto bloccando così Tiago Pinto sul traguardo.

Fiorentina voto 7 – la cessione di Dusan Vlahovic ha fatto sanguinare i cuori dei tifosi Viola, però Ikone, Piontek e Cabral rendono complessivamente più competitiva la squadra.

Oltretutto Vlahovic porterà nelle casse della Fiorentina 70 milioni più 10 di bonus: insomma, ci sono stati addii peggiori…

Atalanta voto 7 – tiene i conti in regola con la cessione di Gosens ma aggiunge qualità davanti con Boga e Mihaila. Come al solito a Bergamo si confermano maestri a livello progettuale e il bilancio anche a sto giro resta in attivo…

Lazio voto 5 – arriva Cabral in attacco last minute ma non il difensore che voleva Sarri.

La sensazione è che il club non ha accontentato e assecondato il tecnico, apparso deluso e arrabbiato dall’operato del diesse Tare. Occhio alle scintille tra i due nelle prossime settimane…

Genoa voto 6 – tanti stranieri che non conoscono il campionato, potrebbe esseee un azzardo vedi il Parma dell’anno scorso. I tifosi rossoblu farebbero meglio a toccare ferro…

Sampdoria voto 6,5 – abbondante sufficienza perché Andrea Conti e Stefano Sensi, se stanno bene fisicamente, possono fare la differenza e alzare il livello, nonostante le difficoltà societarie.