Sports La fine del basket italiano

La fine del basket italiano

Il Basket italiano sta per morire, di Covid ma non solo. È strano quello che succede nel nostro paese per quanto riguarda la palla a spicchi, che resta uno degli sport più praticati (300mila i giocatori, terzo sport in classifica dopo il calcio e a breve distanza dalla pallavolo, seconda) ma che fatica a creare una Serie A di qualità, e quindi attrattiva. È di settimana scorsa la notizia del fallimento e scomparsa della Pallacanestro Roma, squadra che non troppo tempo fa ha fatto la storia del basket italiano insieme ad altre realtà che oggi stentano. Negli anni ’80-’90 dominavamo in Europa e la nostra massima serie era il meglio di quanto si poteva vedere lontano dagli Stati Uniti: Bologna, Milano, Siena, Varese, Cantù, Pesaro, e appunto Roma. Uno spettacolo. Oggi quello che resta è il semi deserto.
I bilanci parlano chiaro. La scorsa stagione il giro d’affari totale della Serie A ha superato di poco i 90 milioni di euro, di cui 30, un terzo del totale, appartengono a Milano (grazie alla passione e ai soldi di Armani). C’è poi la Virtus Bologna (a pagare è il patron di Segafredo, Zanetti, altro super appassionato) a 9 milioni. Il resto sono spiccioli con società alla ricerca di miracoli economici per sopravvivere. Ricordiamo che lo scorso anno fallirono e sparirono Torino ed Avellino. Oggi, con il Covid, le cose vanno anche peggio dal punto di vista economico (senza gli incassi di abbonati e spettatori è un altro salasso) e da quello sportivo con centinaia di migliaia di giovani bloccati a casa essendo il basket uno sport da contatto per eccellenza ed una serie A il cui livello tecnico è imbarazzante se paragonato ai fasti del passato. La situazione è drammatica ed il lavoro del presidente Fip, Petrucci e del presidente di Lega, Gandini, arduo. Mentre dall’altra parte dell’oceano la NBA resta una delle principali macchine di sport, show e soldi del mondo sportivo globale, anche con la pandemia. Altro mondo, in campo e fuori. (Foto: Leowefowas via Amazon)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Sos Inter… C’era una volta il nerazzurro

L’Inter campione d’Italia nella prossima stagione non vestirà nerazzurro ma un misto di due blu, chiaro e scuro, che si intrecciano su uno sfondo squamato

Andrea Pirlo dribbla l’esonero. Chi era pronto a sostituirlo… Rumors

Andrea Pirlo, nelle ore successive al tracollo con il Milan, è stato ad un passo dall'esonero. A Torino, dopo la disfatta interna...

Gli assembramenti? Sono legali (per gli ultras, ovviamente)

Alla faccia della pandemia, il Comune dà via libera alla festa

Il nuovo San Siro val bene una Cattedrale

Continuano le trattative tra Suning e Sala per il nuovo stadio

Mancini come Vieri? Il Ct della nazionale sta preparando una hit estiva

Dal pallone alla musica il passo è sempre più breve