Live

Gli assembramenti? Sono legali (per gli ultras, ovviamente)

Beppe Sala dà il via libera all'assembramento per lo scudetto dell'Inter, nonostante pandemia e coprifuoco. Gli ultras vincono (come sempre).

È vero, non siamo tutti uguali. Ad esempio: provate ad organizzare una festa di matrimonio o soltanto invitare 10 amici in casa. Nel primo caso il titolare del ristorante vi ricorderà che non è possibile, nel secondo ci sarà un vicino pronto con lo smartphone a comporre il 112 per invitare anche i Carabinieri per la torta. Ma se invece siete gli ultras di una squadra di calcio ecco che clamorosamente le feste diventano fattibili. Certo, a patto di rispettare distanziamenti e rapporto area, presenti.

È quanto sta per accadere a Milano domani; il comune infatti ha autorizzato la Curva dell’Inter ad organizzare una festa per 3000 persone nell’area del parcheggio di San Siro da 150 mila mq. Un via libera arrivato quando ancora non si sono spente le eco per i 30 mila tifosi nerazzurri domenica in Piazza Duomo per il 19 tricolore. Tra l’altro sempre sabato è prevista (e autorizzata) un’altra manifestazione in centro a Milano, per il ddl Zan. Insomma, c’è festa e festa.

Palazzo Marino e Questura fanno sapere che vigileranno nell’area della festa per verificare il rispetto di distanze e mascherine ed in caso di comportamenti rischiosi agiranno di conseguenza. Ci permettiamo di non credere a questo. Anzi, siamo certi che gli ultras avranno carta bianca.

Ma non solo. Il 23 maggio è infatti prevista una seconda festa, il compleanno della Curva Nord (sempre gli stessi ultras dell’Inter). Agli sposi o alle famiglie forse non resta che armarsi di fumogeni e bandieroni.
Ps. Sabato sia in zona stadio che in centro sarà vietata la vendita di alcolici. I commercianti ringraziano.

(Foto: YouTube)