Sports Export a picco: il made in Italy, nel calcio, non vale niente

Export a picco: il made in Italy, nel calcio, non vale niente

Compriamo da Brasile, Argentina e Francia. Vendiamo a Malta e in Romania. Non ci vuole un economista per capire che è un bel problema

Dal Sudamerica preferibilmente, oppure da una delle botteghe più care del mercato europeo. Ecco dove vanno a fare la spesa le nostre squadre di calcio, con bilanci sempre più asfittici ma un modello di business che continua a vivere come se si fosse negli anni Novanta e non in un periodo prolungato di vacche magre. La mappa delle traiettorie dei mercanti del calcio tratteggiata dal Cies è impietosa con la Serie A che è il secondo campionato per calciatori importati dall’estero alle spalle della Premier League (636 nel solo 2019) e solo 26° nella classifica di chi i suoi talenti riesce a piazzarli all’estero. Lontanissima dal grande produttore di giocatori che continua a essere il Brasile, ma anche da tornei europei che fanno parte come noi delle Top5 come Francia (ne ha sei volte tanti), Inghilterra, Spagna e Germania. Il report del Cies è interessante perché evidenzia impietosamente uno dei difetti strutturali del nostro calcio. Siamo grandi compratori senza riuscire ad avere una bilancia dei pagamenti in equilibrio perché il nostro export funziona poco e male. Per dare un altro parametro, la realtà cui nel 2019 abbiamo venduto più calciatori è stata Malta seguita da Romania, Francia, Svizzera, Turchia e Slovenia. Gli altri, ovvero inglesi, francesi, spagnoli e tedeschi mandano piedi buoni anche e soprattutto negli altri tornei di riferimento ricavandone, oltre a una crescita professionale dei diretti interessati, anche un adeguato giro d’affari essendo quelli i mercati più ricchi.A noi non riesce, mentre in fase d’acquisto difficilmente riusciamo a scovare per tempo talenti da valorizzare e poi rivendere. Non è un caso le principali rotte per l’Italia siano le solite: Brasile, Argentina e Francia. Un po’ come tradizione, senza essere fin qui riusciti ad intercettare i cambiamenti e l’emergere di nuove realtà nell’Est Europa.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Temptation Island, ultima puntata: come vederla, chi sono i finalisti, anticipazioni

Martedì 27 luglio andrà in onda in prima serata l'ultima puntata di Temptation Island. Come vederla, chi sono i finalisti e le anticipazioni.

Sfruttamento di manodopera straniera nell’azienda Grafica Veneta

Sfruttamento di manodopera straniera nell'azienda Grafica Veneta di Trebaseleghe in provincia di Padova nel Veneto. 11 gli arrestati

Cos’è il semestre bianco e perché è importante

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sta per entrare nel suo "semestre bianco". Ma cos'è e perché è importante?

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Quanti anni ha Federica Pellegrini? Età, patrimonio e vita privata della nuotatrice Divina

Federica Pellegrini è tra le più grandi nuotatrici della storia. Età, carriera, vita privata e patrimonio della campionessa olimpica azzurra.

Federica Pellegrini quando gareggia la finale: data, ora, come vedere la diretta tv dalle Olimpiadi Tokyo 2021

Olimpiadi di Tokyo, la campionessa olimpica del nuoto è pronta a nuotare. Ecco quando gareggia Federica Pellegrini e come seguirla in TV.

Olimpiadi di Tokyo in tv, tra Eurosport e Rai seguirle è una faticaccia (anche per i troppi spoiler)

Troppi spoiler, continuo slalom tra Rai ed Eurosport e troppi tg Rai nei momenti clou. Risultato? Seguire le Olimpiadi è difficilissimo

Nicolò Martinenghi, chi è la sorpresa del nuoto italiano bronzo nei 100 rana

Chi è Nicolò Martinenghi, la giovane sorpresa del nuoto italiano che ha vinto la medaglia di bronzo nei 100 rana alle Olimpiadi di Tokyo 2020

Kessie, rinnovo con il Milan più vicino. Si riparla del contratto ad Olimpiadi concluse

Kessie e il rinnovo di contratto con il Milan agitano le ultime ore di calciomercato. L'ivoriano parla da Tokyo impegnato alle Olimpiadi.