Criscito lascia Toronto e si ritira dal calcio: ufficiale la decisione del calciatore

Criscito ha deciso di mettere fine ala sua avventura in Cana e rientrare in Italia. Tuttavia, non è solo questa la notizia.

Criscito ha lasciato il Toronto ed è tornato in Italia. Non solo questa è la notizia perché l’ex capitano del Genoa avrebbe deciso di ritirarsi dal calcio giocato. Entro fine anno, Criscito ha fatto sapere di comunicare a tutti la sua scelta.

Criscito lascia Toronto: è rientrato già in Italia

Mimmo Criscito ha messo la parola fine alla sua avventura in Canada dopo 4 mesi. Il difensore, ex Genoa, ha lasciato il Toronto FC.

Criscito avrebbe già fatto ritorno in Italia ed addirittura domenica sera era  in tribuna al Marassi per la partita dei rossoblù contro il Como.

Il Toronto ha comunicato  ufficialmente la risoluzione del contratto del difensore italiano. “Grazie mille, Toronto FC, per questi sei bellissimi mesi. Io e la mia famiglia ci siamo goduti il nostro tempo in questa incredibile città, e ci siamo sentiti parte di questa grande famiglia fin dal primo giorno”, ha detto Criscito. “È tempo per me di tornare a casa e valutare cosa farò per il mio futuro.

Grazie e All For One“.

Il ritiro dal calcio giocato

Criscito non solo ha lasciato il Toronto ma ha deciso di dire basta con il calcio giocato e ritirarsi definitivamente. La notizie del ritiro è presente nel comunicato del club canadese: “Il difensore del Toronto FC Domenico Criscito ha annunciato oggi che si ritirerà dal calcio professionistico. Il difensore della nazionale italiana conclude una carriera di 19 anni che lo ha visto giocare nella Major League Soccer, le massime divisioni di Italia e Russia, oltre che per la nazionale italiana.

Difensore mancino, Criscito ha segnato 51 gol in 554 presenze nelle principali competizioni europee, tra cui Serie A, Russian Premier League, UEFA Champions League, UEFA Europa League, Coppa del Mondo FIFA e UEFA Nations League“.

 

LEGGI ANCHE: Albania-Italia: dove vederla, dove si gioca, convocati, probabili formazioni e la parole di Mancini