Sports Cosa c'è dietro all'accordo tra Cairo e Dazn

Cosa c’è dietro all’accordo tra Cairo e Dazn

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. Il celebre adagio andreottiano si adatta benissimo al presidente del Torino e di RCS Urbano Cairo. L’ediTorino come è stato ribattezzato da alcuni colleghi di Serie A è stato tra i voti determinanti per il trionfo di Dazn nella battaglia dei diritti TV. Un appoggio verso il broadcaster londinese vissuto da Sky come un vero e proprio tradimento.

A Rogoredo, infatti, credevano in un appoggio incondizionato di Cairo come accaduto con la triade Ferrero-Preziosi-Carnevali. E invece l’imprenditore alessandrino intorno al 20 marzo ha fatto il salto della barricata, schierandosi con le big in favore di Dazn. Una mossa a sorpresa rivelatesi decisiva. Come mai questo repentino cambio di voto? Si sussurra che Cairo abbia fatto bene i suoi conti. In tutti i sensi, verrebbe da dire.

Lo si è capito dopo la diffusione della notizia dell’accordo raggiunto tra Dazn e Cairo Communication da tre milioni di euro l’anno. Nello specifico, l’accordo consentirà l’utilizzo della banda sul multiplex di proprietà della società editoriale del patron del Torino per la creazione di due canali digitali play di backup all’offerta della piattaforma streaming che si è aggiudicata i diritti 2021-2024 della Serie A.

Non solo… Dazn dovrà, infatti, allargare la propria raccolta pubblicitaria e cerca un partner in esclusiva. E (che coincidenza…) potrebbe affidarla a una struttura commerciale rodata come Cairo&Rcs. Cairo per questo motivo ha fatto anche da calamità di voti coinvolgendo sul fronte Dazn la Roma che ha fatto raggiungere il quorum alla società guidata da Veronica Diquattro. Perché alla fine era tutta una questione di business. E nel mondo degli affari bisogna sapere intravedere le occasioni giuste. Con buona pace di Sky che pensava di tenere in pugno la Serie A…

(Foto: Torino F.C.)

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Sos Inter… C’era una volta il nerazzurro

L’Inter campione d’Italia nella prossima stagione non vestirà nerazzurro ma un misto di due blu, chiaro e scuro, che si intrecciano su uno sfondo squamato

Andrea Pirlo dribbla l’esonero. Chi era pronto a sostituirlo… Rumors

Andrea Pirlo, nelle ore successive al tracollo con il Milan, è stato ad un passo dall'esonero. A Torino, dopo la disfatta interna...

Gli assembramenti? Sono legali (per gli ultras, ovviamente)

Alla faccia della pandemia, il Comune dà via libera alla festa

Il nuovo San Siro val bene una Cattedrale

Continuano le trattative tra Suning e Sala per il nuovo stadio

Mancini come Vieri? Il Ct della nazionale sta preparando una hit estiva

Dal pallone alla musica il passo è sempre più breve