Sports Ecco quanto pagheremo la Serie A su DAZN

Ecco quanto pagheremo la Serie A su DAZN

Avvertenza per tutti i tele-calciofili: dimenticatevi di poter beneficiare di prezzi di favore nel passaggio da Sky a DAZN e, in generale, nell’assetto dell’offerta televisiva di pallone dal prossimo autunno. È possibile che una serie di accordi e sublicenze aiuti a semplificare il quadro, evitando magari di fare slalom tra 3-4 piattaforme per garantirsi tutta l’offerta tra Serie A e Champions League, però il punto di partenza è che i diritti costano una fortuna e chiunque se li aggiudica ha poi necessità di rientrare. E la leva numero uno, trascorso il primo periodo lancio con prezzi per attrarre il grande pubblico, è modulare tariffe che consentano di rientrare e fare utili.

È il caso di DAZN. L’illusione di poter vedere la Serie A (7 partite su 10) al prezzo con cui oggi si pagano le 3 gare a week end è, appunto, solo un’illusione. Non saranno insomma 10 euro al mese con contratto flessibile in entrata e uscita ma molto di più. Quanto? Tolta la fase di lancio il costo dell’abbonamento si allineerà rapidamente ai valori attuali della concorrente NowTv: 30 euro al mese. Che significa una spesa da 300-350 euro all’anno per il tifoso, cui aggiungere quello che serve per coprire il resto della Serie A.

Tornando a DAZN, i conti sono facili: al prezzo di 30 euro al mese (indicato anche dai responsabili nel corso delle presentazioni in Lega Serie A come obiettivo) serviranno a regime circa 3 milioni di abbonati per coprire gli 840 milioni di euro a stagione che la piattaforma si è impegnata a versare ai club. Un target alto ma raggiungibile potendo offrire il meglio del calcio italiano, anche se quello europeo (Champions ed Europa League) è fino al 2024 nella disponibilità di Sky Sport.

L’altra curiosità riguarda cosa vedremo, noi tifosi italiani abituati ai ricchi pre e post partita una volta gestiti da Ilaria D’Amico e ai club con o senza giacca. Anche qui la risposta è secca: dimenticarsi tutto. Il format resterà quello attuale, molto minimalista in cui nella migliore delle ipotesi il segnale si apre 20 minuti prima e chiude 20 minuti dopo l’evento (a volte anche meno). DAZN non cambierà abitudini perché per i responsabili della OTT quello che conta è l’evento e non il contorno. È la formula giusta? Da verificare alla prova dei fatti, perché un conto è averla proposta da broadcaster alternativa e un conto è immaginare da qui in poi il racconto del calcio italiano in questa versione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Sports

Ogni venerdì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Quanto costano i calciatori al minuto: Dimarco e Young

Federico Dimarco (Verona) e Ashley Young (Inter), tra ingaggio e tempo giocato: quando costano al minuto questi calciatori?

Olimpia Milano, più che un trionfo è il minimo sindacale

Tutti pazzi per l'Olimpia Milano, tornata alle Final Four di Eurolega dopo 29 anni. Ma attenzione a festeggiare per il "trionfo"

I 50 mila del calcio femminile

Nessuno conferma e nessuno al momento parla di cifre ufficiali, ma tra gli addetti ai lavori girano cifre che sanno tanto di reale...

Juventus verso la rifondazione, tra addii e nuovi arrivi. Rumors

La Juventus è diventata una polveriera: tutti contro tutti all'insegna del si salvi chi può. Ecco chi si prepara all'addio e chi è arriva...