Politics Vaccinazioni, l’inutile classifica e la politica che la usa come una clava

Vaccinazioni, l’inutile classifica e la politica che la usa come una clava

Ho sempre pensato che le classifiche sulle vaccinazioni valgono poco, e lo penso anche oggi. Così, non mi scandalizzavo ieri perché la Lombardia era quart’ultima, e non gioisco oggi che è a metà classifica nella percentuale e prima per numero assoluto di somministrazioni. Francamente: chissenefrega. Questa non è una gara, ma una sfida globale. Meglio si fa, più siamo contenti tutti come Italia. E – per dirla tutta – voglio proprio vedere la differenza tra il 91,9 per cento della Lombardia e il 91,1 per cento del Lazio. Non ce ne è, di differenza. Vedremo alla fine, quando tutti saremo fuori, quel che hanno fatto le Regioni. E là si potranno dare giudizi definitivi.

Vaccinazioni, classifica regione per regione

Intanto però mi preme rilevare un po’ di cose. La prima cosa è che la politica influenza la narrazione. E molto. Sapete che nella Puglia di Emiliano sono al 95 per cento di somministrazioni? Però prevale l’idea che la Puglia è zona rossa e che tutto va male madama la marchesa. Forse perché Emiliano non fa parte del gruppo dirigente del Pd? La pessima Liguria di quel Toti? Quarto posto. Eppure non ne parla nessuno. E che dire dell’Emilia Romagna, che era il modello per tutta Italia finché Bonaccini poteva aspirare ad essere segretario Dem e adesso invece è ignorata dai grandi media? Quinto posto, e non con poche centinaia di migliaia di dosi, ma con un milione e 600mila. Pare stia facendo bene. Non parliamo del Veneto: era l’alternativa leghista alla pessima Lombardia, e tutti dovevano cogliere le differenze. Poi Salvini arriva al governo e Zaia finisce nel cono d’ombra: non se ne occupa più nessuno anche se sta andando assai bene. E il Lazio dell’ottimo Zingaretti? Là le vaccinazioni sono state efficacissime finché era segretario Pd. Adesso sta sotto la Lombardia, ma non ne parla nessuno.

Vaccinazioni, il senso (nessuno) della classifica tra regioni

Non ne faccio una questione di parte, come si è visto. Perché usare una classifica come quella delle vaccinazioni è stupido da qualunque parte la si guardi. Il senso di questi numeri qual è? Nessuno. Ripeto. Non aveva nessun senso prima, non ce l’ha ora. Ma se non hanno senso, allora non ha senso neppure usarli, e lo si è fatto per mesi, sulla stampa, come clava contro gli avversari. 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Nuovo ospedale San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costa il “polo unico”? Il documento esclusivo di Regione

San Paolo e San Carlo a Milano, quanto costerebbe unire gli ospedali? L'analisi economico-gestionale comparativa in esclusiva su True Pharma

Ecco le lauree scientifiche che servono all’Italia. Il report Anpal-Unioncamere

Campo energetico-ambientale ma anche chimico, matematico e fisico. Ecco le principali lauree che serviranno all'Italia

La squadra che guida il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche

Il nuovo Centro Nazionale Comitati Etici per le sperimentazioni cliniche? Sarà guidato da Remuzzi, Brusaferro e Magrini

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Ddl Zan, Selvaggia Lucarelli attacca Fedez (e non è la prima volta)

La lunga storia di liti tra la giornalista e il cantante. Dalle critiche al matrimonio "virtuale" all'ultima stoccata sul ddl Zan

Ddl Zan e Chiesa, quando i cattolici fanno quello che in fondo tutti volevano (sostenitori e oppositori della legge)

Ecco perché la Chiesa ha fatto quello che i sostenitori del Ddl Zan volevano (e pure gli oppositori)

Giuseppe Conte, news sull’ultima mossa: per le amministrative pronta una civica a suo nome

Giuseppe Conte per le amministrative pensa ad una civica a suo nome. E a Milano (e a Roma) alcune personalità già scalpitano

Bambino di due anni scomparso nel Mugello ritrovato vivo. Sta bene

Ritrovato vivo e in buone condizioni il bambino scomparso nell'alto Mugello. Sta bene. È stato ritrovato a 2,5 km da casa

Chi è Catello Maresca, candidato sindaco alle elezioni Napoli 2021

Chi è Catello Maresca? Considerato uno dei magistrati più stimati d’Italia, è candidato alle elezioni Napoli 2021: carriera e vita privata