Politics Da Alcide De Gasperi a Mario Draghi, le localita’ invernali preferite dalla...

Da Alcide De Gasperi a Mario Draghi, le localita’ invernali preferite dalla politica

Ad ogni stagione invernale si rinnova la tradizione della settimana bianca per la politica italiana e internazionale. Da Alcide De Gasperi e fino a Mario Draghi, ad ogni epoca repubblicana corrisponde uno stile e una località diversa. Con l’avvento dei social network la foto ricordo sulla neve per i nostri governanti è diventato un must. Lontano dai palazzi i volti della politica italiana e internazionale si mostrano, famiglie al seguito, sui campi da sci. Dalla lussuosa Gstaad, molto amata dalla popstar Madonna e già meta delle vacanze invernali dei leader britannici Winston Churchill e Margaret Tatcher, a Davos, famosa per ospitare il Forum Economico Mondiale che vede tra i protagonisti il neosegretario del PD Enrico Letta, il premier Mario Draghi, e la governatrice della Bce Christine Lagarde.

Oltreoceano

Oltreoceano vanno per la maggiore Park City, Aspen e Vail, da sempre sede prediletta dalle famiglie Kennedy e Ford. Per avvicinarci all’Italia, la scelta è tra Courchevel, St. Moritz-Celerina – amata da re Hussein di Giordania, Gianni Agnelli e Beppe Sala – e Klosters. Per quanto riguarda i nostri onorevoli, le nevi più amate sono passate incolumi agli stravolgimenti tra prima, seconda e terza Repubblica, e dominano ancora le sempreverdi Madonna di Campiglio, Cortina d’Ampezzo, Courmayeur e Bormio, prossima sede olimpica per lo sci alpino.

La prima repubblica

Lo statista Alcide De Gasperi amava rilassarsi nella sua casa natia in Valsugana, mentre Giovanni Leone a Roccaraso dove aveva una villetta davanti alle piste. Giuseppe Saragat passava le vacanze al Terminillo, località molto in voga negli anni ’60, mentre Carlo Azeglio Ciampi a Rocca di Mezzo in Abruzzo. Il leader della DC Aldo Moro era invece di casa con la famiglia a Cortina d’Ampezzo. Romano Prodi prediligeva invece Passo di Campolongo, mentre l’ex premier Matteo Renzi la mondana Courmayeur, località amata anche da Daniela Santanchè, Elsa Fornero e dal bocconiano Maurizio Dallocchio.

Dai tecnici alla Meloni

Mario Monti insieme alla moglie Elsa Antonioli trascorre il Natale in Engadina, mentre Giuseppe Conte, che preferisce il mare del Salento, non ha una località preferita, anche se è stato avvistato qualche volta a Cortina e Courmayeur. L’ex leader del Pd e Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti scende in pista a Campo Staffi, località in provincia di Frosinone al confine con l’Abruzzo. La leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ama particolarmente le Dolomiti. Era presente alla chiusura degli ultimi Mondiali di Sci a Cortina ed è di casa a Calalzo di Cadore, dove il suo partito è sopra il 30%. Località particolarmente amata anche dall’intramontabile Pierferdinando Casini e dai più importanti imprenditori veneti come la famiglia Benetton, i trevigiani De Longhi e il patron di Luxottica Leonardo Del Vecchio.

Politici in montagna (o in Siberia)

Il leader della Lega Matteo Salvini preferisce invece trascorrere le vacanze tra Bormio in Alta Valtellina – dove anche il principe Karim Aga Khan possiede una lussuosa villa – e Vezza D’Oglio in Valcamonica, non lontano dal castello dei leghisti Caparini di Ponte di Legno, dove il senatur Umberto Bossi passava le vacanze. Sulle nevi dell’Alta Valtellina si vedono spesso anche l’ex ministro Maurizio Lupi e il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti che non disdegna neanche le montagne vicine a casa, in particolare al Passo Forcora, famoso per la bellezza delle sue piste con vista lago.

Luigi di Maio, insieme all’ex compagno di partito Alessandro Di Battista frequentano le montagne della Val di Fassa, mentre Vittorio Sgarbi è stato avvistato più volte sull’altopiano di Asiago. Molto gettonata dai parlamentari piemontesi la località lanciata dalla famiglia agnelli Sestriere e il suo famoso comprensorio sciistico chiamato Via Lattea. Il Presidente Silvio Berlusconi ama invece particolarmente andare a St. Moritz, quando non è ospite dell’amico Vladimir Putin in qualche tenuta siberiana.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Ristoranti con dehors? Zona rossa o zona bianca, è beffa per i commercianti di Milano: ora non si trovano i materiali

Gazebo, teli e materie prime sono introvabili. Gli imprenditori: "Attendo da 2 mesi". Così la decisione è diventata un boomerang

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Sentenza Tar Report, ecco le carte che fanno infuriare Sigfrido Ranucci. Scarica

Il Tar Lazio ordina a Report di rivelare le sue fonti all'avvocato Andrea Mascetti. Scarica la sentenza che fa infuriare Sigfrido Ranucci

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana