Politics Con il selfie-vax va online l'arroganza dei furbetti

Con il selfie-vax va online l’arroganza dei furbetti

Che fossimo il Paese degli amici degli amici, delle corporazioni e dei furbetti non è una novità. Forse è anche per questo che agli occhi dei nostri partner europei veniamo spesso additati – non a torto – come irresponsabili e inaffidabili. In questo periodo di vaccinazioni è nata però una nuova moda. È quella di farsi una bella fotografia durante l’inoculazione e poi postarla sui social network.

Quelli che saltano la fila

Peccato che – secondo quanto ha verificato True News – diversi di questi “selfie-vax” – la maggior parte giovani – non avesse alcun diritto a ricevere il vaccino. Alla faccia di molti anziani e fragili che in diverse regioni italiane aspettano ancora ancora la chiamata per l’appuntamento e alla faccia di chi ha seguito e segue le regole. La cosa che fa più infuriare è che queste persone non solo passano davanti agli altri, ma addirittura lo pubblicizzano boriosamente in sfregio ad ogni etica.

Le lobby

Il peccato originale è stato fatto da molte regioni che, cedendo alle pressioni di alcune lobby, hanno vaccinato diverse categorie che potevano aspettare. Ecco allora che accanto ad anziani, fragili, sanitari, forze dell’ordine e insegnanti si è creata la sezione “altro” per inserire tutti, un po’ come si fa con il “Mille proroghe”. C’è chi ha favorito gli avvocati, come la Toscana, chi i volontari del terzo settore, come la Lombardia, chi i giornalisti, come la Campania, o la Puglia, dove a Taranto sono stati vaccinati preti, sacerdoti e operatori della Caritas.  Il caso più eclatante è quello di Biella, che ha visto partire sessanta avvisi di garanzia per altrettanti “furbetti”.

Indignarsi e basta?

Circa due milioni di dosi di vaccino distratte a chi ne aveva davvero bisogno e inoculate – per la maggior parte – a chi non ne aveva urgenza. Un comportamento criminale che probabilmente condannerà a morte cittadini che, sia sotto il profilo dell’età anagrafica sia per condizioni di salute, senza alcun dubbio avrebbero dovuto avere la priorità.

Bene che la magistratura indaghi e che il Premier si indigni, ma purtroppo il danno è fatto. Che cosa se ne faranno i pazienti nelle Terapie Intensive e nei cimiteri della condanna di questo o quello? Probabilmente il Covid non ci ha insegnato nulla, o forse si. Che la gestione territoriale sanitaria affidata alle Regioni è stata drammaticamente fallimentare e che l’etica va sempre bene purché non tocchi personalmente.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Allegri in pole per la panchina del Real (e Zidane alla Juve?)

L'ex tecnico di Milan e Juventus se la gioca con la bandiera di Madrid Raul Gonzalez Blanco. E intanto Allegri studia lo spagnolo con la compagna Ambra Angiolini

Salute Berlusconi, gli effetti del “long Covid”: ecco come sta

Girano voci contrastanti riguardo la salute di Berlusconi: il Presidente di Forza Italia è stato di nuovo ricoverato in ospedale per qualche...

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Il giudice del “caso Salvini” che manda in tilt buonisti, sovranisti e pasdaran del lockdown

Nunzio Sarpietro assolve Salvini dal sequestro di persona per nave Gregoretti. Il leader della Lega esulta: “Un giudice che studia”. Ma è lo stesso che ha tolto l'associazione a delinquere alla ong Proactiva Open Arms ed è stato beccato a pranzo al ristorante durante il lockdown

Angelo D’Orsi: “La mia Torino contro i poteri forti, basta eventi e grandi opere. Ricuciamo le periferie con la cultura”

Lo storico Angelo D’Orsi, sostenuto dalla sinistra radicale, si candida alla guida di Torino per "scardinare i poteri forti". L'obiettivo? "Vincere"

Dal barboncino di Pertini al bracco di Draghi. Ecco i cani dei potenti

Alcuni politici li usano in campagna elettorale, altri nelle questioni diplomatiche. Il semplice fatto che un leader politico venga ritratto insieme al proprio animale domestico trasmette una sensazione di vicinanza e umanità.

La sanità dei Cinque Stelle? È il “modello Veneto” (ma per la Lombardia)

Proposte di riforma della sanità lombarda? C'è anche quella che i grillini hanno chiamato “ATS Lombardia”, che di fatto ricalca quanto già esiste oggi in Veneto con l'Azienda Zero

Recovery Plan a Milano? Salta riapertura dei Navigli, soldi a trasporti e quartieri popolari

Nella lista delle opere per il Recovery Plan a Milano i soldi per riaprire i Navigli non ci sono. L'elenco aggiornato al 10 maggio 2021, consultato da True-News, punta le proprie fiches su trasporti e qualità dell'abitare