Politics Con il selfie-vax va online l'arroganza dei furbetti

Con il selfie-vax va online l’arroganza dei furbetti

Che fossimo il Paese degli amici degli amici, delle corporazioni e dei furbetti non è una novità. Forse è anche per questo che agli occhi dei nostri partner europei veniamo spesso additati – non a torto – come irresponsabili e inaffidabili. In questo periodo di vaccinazioni è nata però una nuova moda. È quella di farsi una bella fotografia durante l’inoculazione e poi postarla sui social network.

Quelli che saltano la fila

Peccato che – secondo quanto ha verificato True News – diversi di questi “selfie-vax” – la maggior parte giovani – non avesse alcun diritto a ricevere il vaccino. Alla faccia di molti anziani e fragili che in diverse regioni italiane aspettano ancora ancora la chiamata per l’appuntamento e alla faccia di chi ha seguito e segue le regole. La cosa che fa più infuriare è che queste persone non solo passano davanti agli altri, ma addirittura lo pubblicizzano boriosamente in sfregio ad ogni etica.

Le lobby

Il peccato originale è stato fatto da molte regioni che, cedendo alle pressioni di alcune lobby, hanno vaccinato diverse categorie che potevano aspettare. Ecco allora che accanto ad anziani, fragili, sanitari, forze dell’ordine e insegnanti si è creata la sezione “altro” per inserire tutti, un po’ come si fa con il “Mille proroghe”. C’è chi ha favorito gli avvocati, come la Toscana, chi i volontari del terzo settore, come la Lombardia, chi i giornalisti, come la Campania, o la Puglia, dove a Taranto sono stati vaccinati preti, sacerdoti e operatori della Caritas.  Il caso più eclatante è quello di Biella, che ha visto partire sessanta avvisi di garanzia per altrettanti “furbetti”.

Indignarsi e basta?

Circa due milioni di dosi di vaccino distratte a chi ne aveva davvero bisogno e inoculate – per la maggior parte – a chi non ne aveva urgenza. Un comportamento criminale che probabilmente condannerà a morte cittadini che, sia sotto il profilo dell’età anagrafica sia per condizioni di salute, senza alcun dubbio avrebbero dovuto avere la priorità.

Bene che la magistratura indaghi e che il Premier si indigni, ma purtroppo il danno è fatto. Che cosa se ne faranno i pazienti nelle Terapie Intensive e nei cimiteri della condanna di questo o quello? Probabilmente il Covid non ci ha insegnato nulla, o forse si. Che la gestione territoriale sanitaria affidata alle Regioni è stata drammaticamente fallimentare e che l’etica va sempre bene purché non tocchi personalmente.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs

Nicole Daza è la compagna di Marcell Jacobs. I due insieme hanno già avuto due figli. Ecco il messaggio di Nicole prima della gara di Jacobs

Vanessa Ferrari medaglia d’argento alle Olimpiadi Tokyo 2021! Vittoria storica per l’Italia nella finale corpo libero

Vanessa Ferrari medaglia d'argento nel corpo libero alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Ha gareggiato lunedì 2 agosto a partire dalle 10:57 ora italiana. L'atleta...

Tamberi e la mezza barba alle Olimpiadi di Tokyo 2021

La mezza barba di Tamberi ha fatto più discutere della sua medaglia d'oro. Gianmarco Tamberi ha portato a casa un fantastico oro nel salto in alto con la misura di 2.37 ex aequo con l’atleta del Qatar Barshim.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cardinale Becciu, via al processo in Vaticano. Il quadro dello scandalo finanziario e le conseguenze della riforma del Papa

Caso Becciu, per la prima volta in Vaticano un cardinale è processato da laici. Segno che la resa dei conti è arrivata

Giuseppe De Donno, il dottore ucciso da invidia e interessi di parte

Un medico che ha messo sempre il paziente prima di tutto. E per questo è stato infangato da luminari colleghi e detrattori

Csm e magistratura, il pm Paolo Storari paga per tutti. Ma la vera storia è quella del “cesto di mele marce” di Di Pietro

Mario Chiesa diceva a Di Pietro: io sono la mela marcia? Ora le racconto il resto del cestino. Un'immagine perfetta di cosa sta accadendo in Procura a Milano e fra le toghe di mezza Italia

Inchiesta appalti negli Hotel, il sistema delle “società serbatoio”. Gip convalida sequestro da 22 milioni

Il Gip del Tribunale di Milano ha deciso di convalidare il sequestro di 22 milioni di euro a carico del gruppo Cegalin-Hotelvolver

Comunali Milano 2021, nella città simbolo del Covid è caccia al “professionista della salute” da candidare

Dopo l'arrivo del Covid crescono i medici che puntano ad entrare in politica (perchè la politica li cerca). L'esempio più lampante? Milano