Live

Comunali 2021 Milano, Roberto Rasia Dal Polo su Facebook: “Si candidi Matteo Salvini”

Comunali Milano, Roberto Rasia Dal Polo spinge la candidatura del milanese Matteo Salvini. "È l'ultima mossa possibile per il centrodestra".

Il milanese doc Matteo Salvini sindaco di Milano? Per il manager e comunicatore Roberto Rasia Dal Polo potrebbe essere la mossa giusta per il centrodestra. In un panorama milanese dove Beppe Sala va verso la rielezione, e il centrodestra è nel caos, è infatti difficile trovare nuovi candidati disponibili. Dopo Annarosa Racca, Oscar Di Montigny, Gabriele Albertini e lo stesso Rasia Dal Polo, che per un motivo o per l’altro hanno fatto un passo di lato, a Milano la situazione del centrodestra è più ingarbugliata del previsto.

Comunali 2021 Milano, centrodestra con candidato debole? “Può essere un boomerang”

Ai miei occhi, dopo 9 mesi di studio e analisi quotidiana – ha scritto infatti Roberto Rasia su Facebook – di tutto ciò che succede a Milanocandidare Matteo Salvini risulta essere l’unica (anzi l’ultima) mossa che il centrodestra può inventarsi per uscire dalla palude. Perché, diciamocelo: siamo alle comiche”.

Sottovalutare la questione milanese infatti, secondo Roberto Rasia, potrebbe essere un boomerang “Non riuscire a trovare un candidato o una convergenza fra tutti gli attori al tavolo – ha aggiunto – può essere un boomerang molto più devastante di quanto si pensi nel centrodestra. Le regionali sono a un passo. Le politiche di conseguenza. E a perderci sarebbe tutto il centrodestraE Matteo Salvini “è l’unico nome grosso che a questo punto potrebbe rovesciare il tavolo da gioco, scompigliando tutto e tutti. Chi nel centrodestra può dire di no a Salvini?”

Rasia Dal Polo e l’esortazione a Matteo Salvini

Da qui l’invito di Rasia Dal Polo diretto al leader leghista. “Scendere in campo, metterci la faccia e l’impegno per la propria città potrebbe essere il primo step per un nuovo centrodestra, per una nuova Lega, per una nuova Milano. E la città non rischia alcuna deriva sovranista, lo sanno tutti, perché è una città molto equilibrata (chiunque sia il Sindaco), dedita soprattutto al lavoro e al volontariato. Certo, in caso di sconfitta, sarebbero dolori, anche se la politica ci ha da sempre abituato che i salti mortali sono parte del gioco. L’altro giorno un esponente del centrodestra mi ha detto che Sala è battibilissimo. Siamo in tanti pronti a dare una mano concreta per una città che amiamo e che non vogliamo osservare inermi mentre si rovina con le proprie mani” ha concluso il manager e comunicatore.