Politics Il bisogno urgente di una politica contro la povertà post Pandemia

Il bisogno urgente di una politica contro la povertà post Pandemia

di Fabio Massa

Scrivendo il mio libro, “Fuga dalla città“, mi sono accorto di una cosa. La gran parte dei problemi che il Covid ha portato alla luce non li ha causati il Covid. Semplicemente erano già là, ma in misura meno grave, meno problematica, sottovalutabile e infatti sottovalutata. Un po’ come in un organismo alcune malattie, o deficienze minori, venivano sfruttate dal virus per fare danni, allo stesso modo nelle pubbliche amministrazioni. Che Lombardia Informatica non funzionasse lo si sapeva fin da prima del Covid, ma con il Covid diventa drammatica. Ora ci sono nuovi disservizi a Iseo e a Codogno, eppure Aria non c’è più: sapete che cosa vuol dire? Che ci sono problemi nella raccolta dei dati e nell’elaborazione delle agende da parte degli ospedali.

Problemi che ci sono da sempre. I medici di base hanno dato non una cattiva prova di sé, in questa pandemia, ma pessima. Sempre fuori dai giochi – salvo casi speciali ed eroici, da valorizzare al massimo – hanno preferito una difesa del territorio corporativista e lontana dai pazienti. La stessa elaborazione politica, sia in Regione che in Comune, mostrano la corda: i politici veri sanno individuare linee di sviluppo a lungo termine, uno sguardo oltre l’orizzonte, anche se fosco e coperto di nubi. Qui invece nessuno si azzarda a guardare oltre l’orizzonte, o a iniziare a preparare la città, e la Regione, per l’emergenza che già si profila: quella sociale, quella della povertà, quella dei secondi che stanno diventando penultimi.

Bene la transizione ambientale, ma quando la si finirà di porre le politiche in alternativa: o la transizione ambientale oppure la cura della povertà, vera e propria malattia degli anni 20 di questo secolo? Io vorrei sentire parlare di questo e di quello, insieme. Vorrei sentire parlare di nuovi quartieri con ambulatori e punti vaccino già pronti per le prossime emergenze. E invece non sento parlare di questo. Sento famosi soloni scoprire problemi vecchi come mio nonno ma che vengono usati come clave, per la propria battaglia politica e il proprio interesse immediato. Oltre l’orizzonte ci attende il declino, e ci andiamo neppure ballando, ma litigando un po’ tristi e molto sterili.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Chi è Valentina Sganga, candidata sindaca per il M5s alle elezioni Torino 2021

Chi è Valentina Sganga, che ha annunciato ai suoi elettori e follower l’intenzione di candidarsi sindaca alle elezioni di Torino 2021

Chi è Andrea Russi, candidato M5S alle elezioni Torino 2021

Andrea Russi è un giovane politico del MoVimento 5 Stelle, prima consigliere comunale e ora candidato alle elezioni Torino 2021

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico

Funivia Mottarone e tg3, ecco perché è giusto pubblicare il video della cabina che precipita

Funivia Mottarone, pubblicare il video della cabina che precipita è giusto, non uno scandalo. Si chiama giornalismo.