Pharma Isf. Vaccino? È il caos (e regna l'anarchia regionale)

Isf. Vaccino? È il caos (e regna l’anarchia regionale)

di Sara Greta Passarin e Francesco Floris

Priorità vaccinale agli informatori scientifici del farmaco? Le Regioni in ordine sparso. Tanto che, per ora, mancano i numeri. Una realtà dura da accettare, specie per i diretti interessati, da mesi in prima linea negli ospedali e nei pronti soccorso. Ma la situazione da registrare, ad oggi, è proprio questa: ogni Regione si muove per via autonoma e decide come meglio crede. Risultato? Linee guida precise, anche da Roma, per ora non ce ne sono e poco importa se questi operatori, al pari di infermieri o medici, sono esposti al rischio contagio (standard o varianti) da molti mesi.

Fondamentali per la filiera e gli ospedali ad oggi le Regioni che si sono attivate per vaccinare gli Isf sono la Lombardia (dove sono stati inclusi anche i tecnici dei dispositivi medici), Piemonte, Friuli Venezia-Giulia, Veneto, Calabria, Campania, Puglia, Basilicata, Sicilia. Buone notizie negli ultimi giorni arrivano però anche dall’Umbria e dal Molise, dove si è impressa un’accelerazione sul tema.

A latitare invece, di contro, sono regioni popolose e importanti come l’Emilia Romagna, il Lazio, la Sardegna, la Toscana. I motivi? Sulla base del piano vaccinale nazionale gli informatori scientifici del farmaco non rientrano tra le categorie prioritarie. Ciò non toglie però che i rappresentanti di categoria perseverino nelle proprie rivendicazioni, chiedendo alle Regioni di agire. E così, sulla scia delle proteste degli Isf nel Lazio, si è mosso il consigliere regionale del Lazio Orlando Tripodi. Il politico leghista, tramite una mozione presentata, ha chiesto di “attivare con urgenza la vaccinazione degli Isf” riconoscendo la centralità del loro apporto nelle strutture ospedaliere (richiesta fatta anche dal M5S del Lazio). Qui e in altri territori Confindustria Sanità e Servizi, come già accaduto in Lombardia, ha attivato una collaborazione con le Regioni per agevolare l’organizzazione della campagna. L’associazione di rappresentanza degli industriali ha iniziato a raccogliere i nominativi degli Isf interessati.

Situazione fotocopia anche in Emilia Romagna, regione tra le più popolose d’Italia, dove in questo campo regna il caos. Con un’interrogazione alla Giunta, il consigliere di Fratelli d’Italia Giancarlo Tagliaferri ha invitato il governatore Stefano Bonaccini ad agire al più presto. Gli informatori scientifici, si legge nel documento, “svolgono la loro attività anche nelle strutture di ricovero, ambulatoriali e socio-sanitarie, a stretto contatto con gli operatori sanitari” e quindi devono “avere priorità vaccinale”. Un’esortazione che in Emilia arriva dopo che Kyriakoula Petropulacos, Direttrice generale Welfare, aveva giudicato il servizio degli Isf “non essenziale” escludendoli dalla fase 1 vaccinale.

Non se la passano meglio Sardegna e Liguria, dove gli informatori scientifici sono ancora in attesa di risposte. Mentre in Toscana c’è un primo accenno di vaccinazioni nell’area di Firenze (tutte le altre aree, invece, sono nel limbo più totale). Il macro tema italiano del momento e su cui, ci si augura il governo Draghi e la nuova gestione commissariale possano imprimere un’accelerata, rimane la lunga coda per il vaccino anche nel mondo delle professioni sanitarie. Rimangono in attesa del loro turno, oltre Isf, per esempio i tecnici ospedalieri e gli addetti alla manutenzione ai macchinari, altro ruolo cruciale non solo per la battaglia contro il Covid ma per il ritorno a regime delle “normali” prestazioni sanitarie. Su questo fronte? Nulla di nuovo: ogni Regione decide da sé, senza una regia unitaria.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Gig economy, significato e non solo: tutto quello che c’è da sapere

Che cos'è la Gig Economy? Perché questo fenomeno economico che sta crescendo a velocità esponenziale divide tanto l’opinione pubblica?

Concorsi scuola 2021: docenti e personale ATA

Diversi i concorsi scuola previsti nel 2021: tra questi 2 concorsi straordinari e 2 ordinari per docenti e uno per personale ATA

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza