Pharma Pnrr, Aceti: “Sanità è sotto finanziata, vigilare sul rapporto Stato-Regioni”

Pnrr, Aceti: “Sanità è sotto finanziata, vigilare sul rapporto Stato-Regioni”

di Francesco Floris

Il Pnrr? A oggi “il livello di investimento sulla salute stride molto” dice a True Pharma Tonino Aceti, Presidente di “Salutequità”, associazione che si occupa di analizzare e monitorare l’andamento e l’attuazione delle politiche sanitarie e sociali in Italia. L’associazione ha prodotto un report (basato sulla prima bozza del Pnrr e ora in fase di aggiornamento in funzione delle modifiche) che sottolinea varie criticità del Piano rispetto alle tematiche sanitarie. “Fa specie che il settore che ha mostrato le sue falle nel corso della pandemia riceva le minori risorse rispetto a tutte le altre missioni” dice Aceti riferendosi al fatto che i 19,7 miliardi della “Missione Salute” rappresentano “solo l’ 8,8% rispetto alle risorse totali”. Il secondo capitolo più sotto finanziato dell’intero Pnrr, dietro a quello su “Inclusione e coesione”, comunque collegato alla salute dei cittadini.

“No razionalizzazione della spesa”

“Sembrerebbe che superata l’emergenza si torni ad applicare il vecchio paradigma – denuncia il Presidente di “Salutequità” – e infatti nell’ultima Legge di Bilancio si fa riferimento al 2023 per tornare alla razionalizzazione della spesa. Come se il settore della sanità debba tornare a una governabilità a livello economico, il presupposto che ha fatto sì che in dieci anni si sia assistito a un taglio di 40 miliardi di euro”.

C’è quindi chi teme che il Pnnr possa essere un’occasione sprecata. Almeno per la salute. L’associazione ha reso noti i numeri dell’ultima occasione in cui in Italia si è assistito al finanziamento di un programma straordinario di investimenti in edilizia e tecnologie sanitarie. Risale a più di 30 anni fa, ai tempi dell’articolo 20 della legge 67/1988, con uno stanziamento iniziale a gravare solo sul Bilancio dello Stato – al contrario dell’occasione Recovery Plan –, pari 30mila miliardi di lire (attuali 34,4 miliardi a parità di potere di acquisto). Il doppio rispetto ai 19,7 miliardi destinati anche ad altre esigenze che dovrebbero arrivare oggi dall’Europa.

“Mancano professionisti nella PA”

A prescindere dalle risorse che verranno destinate Aceti pone delle domande, che solo in parte trovano risposta nelle nuove linee guida del governo Draghi come espresse il 10 marzo in audizione parlamentare dal ministro dell’Economia, Daniele Franco. “Non abbiamo tutte le professionalità che ci servono dentro la pubblica amministrazione per spendere bene e in fretta questi soldi, non abbiamo tanti giovani” dice Aceti. È questo uno dei primi ambiti da affrontare, anche alla luce dell’ondata di cessazioni dal servizio iniziata già a fine 2018, che ridurrà il personale pubblico di circa 500mila unità.

“Attenzione alle Regioni, cosa succede con i ritardi?”

C’è poi il tema della struttura di monitoraggio indicata dal ministro Franco e che viene accolta come una novità positiva. “Va chiarito il rapporto fra Stato e Regioni nella fase di definizione del piano ma soprattutto nella fase di realizzazione” spiega Tonino Aceti. Il motivo? “Che cosa succede con le Regioni nel ruolo di enti attuatori del Piano se viene riscontrato un ritardo? Cosa accade? Chi fa qualcosa? Sarà previsto un commissariamento?”. Domande che per ora sono senza risposta. “È tempo di parlarne” chiude il Presidente di Salutequità.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Forza Italia a Milano, ecco la lista dei candidati: dentro Vedani e Bestetti. Santa Maria all’Urbanistica in caso di vittoria. Rumors

Milano, ecco la lista dei candidati di Forza Italia. E c'è attesa per il nome del candidato sindaco del centrodestra

Verona, il sindaco Federico Sboarina dalla Lega a Fratelli d’Italia. Tensioni nel Carroccio

Dopo l'addio del sindaco di Verona Federico Sboarina, direzione Giorgia Meloni, nella Lega salgono le tensioni. Si attende il nome per Milano

Dopo la terza ondata Covid le nostre città sono sicure? Nuova puntata di “The True Show” – VIDEO

Dopo la terza ondata Covid si riparte. Ma ci sono stati anche molti casi di violenza. Le nostre città sono sicure? Guarda “The True Show”

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Vaccini Covid, in Lazio accordo win-win tra Farmacie e Distributori Intermedi

Intesa in Lazio tra le sigle della Farmacia e della Distribuzione Intermedia per la consegna dei vaccini Covid nelle farmacie, dove vengono somministrati alla popolazione

Dopo il Covid liste d’attesa in tilt e cure mancate. Tonino Aceti: “Serve federalismo solidale”

Oltre 1,3 milioni i ricoveri in meno del 2020, –17% rispetto al 2019. Numeri che lasciano intuire l'impatto del Covid sulle liste d'attesa

DL Imprese e DL Riaperture: le misure per la sanità. Scarica documento del Centro Studi Inrete

Incentivi, crediti d'imposta, farmacie, spesa sanitaria: le principali misure per sanità e pharma nel documento del Centro Studi Inrete. Scarica

“I quartieri post Covid? Più importanti i servizi alla persona dei metri quadrati”

“Il tema centrale? Il rapporto tra salute e territorio”. Lo afferma Giuseppe Bonomi, amministratore delegato di MilanoSesto, intervenuto il 28 maggio a “Salute Direzione Nord – Turning Point”.

“Riforma socio-sanitaria, la Lombardia riparte da qui”: l’evento promosso da C.A.O.S insieme a True-News

“La riforma socio-sanitaria lombarda – La Lombardia riparte da qui” è il webinar che l’Associazione Centro Ascolto Operate al Seno (CAOS) Onlus organizza con True News