Politics Le classi dirigenti senza sogni di un Paese immobile

Le classi dirigenti senza sogni di un Paese immobile

Dove è finito il recovery plan dei territori? Non per voler distogliere un secondo l’attenzione da temi pure importanti come il catcalling, ma dovrebbero arrivare oltre 270 miliardi di euro dall’Europa, e di discussione su come verranno allocati ce ne è pochina, se non niente proprio. Mi spiego. Almeno le classi che una volta si definivano dirigenti e che adesso, al massimo sono dirette se non addirittura smarrite, discutevano delle allocazioni dei soldi, dei fondi, su dove sarebbero stati destinati e con quale visione del futuro.

Invece qui la Regione e tutti i Comuni – almeno quelli più grandi – stanno avanzando richieste allo Stato per costruire il recovery plan più grande, e nessuno si è sognato di aprire un dibattito pubblico. Vogliamo i soldi per riaprire i Navigli? O quel progetto è archiviato, tanto per dirne una? Quali strade a competenza regionale verranno finanziate con il recovery plan? I territori su cui insistono sono stati consultati? Niente. Non c’è niente di tutto questo. Sono due settimane che cerco il recovery plan di Milano e semplicemente non l’ha visto nessuno dei consiglieri comunali da me consultati.

Forse sono stato sfortunato, ma considerata la quantità di telefonate che ho fatto, evidentemente metà dei membri del consiglio comunale non l’hanno mai visto. Purtroppo in alcuni casi neppure sapevano che il Comune aveva presentato qualcosa al Governo. E questo fenomeno, ho verificato, c’è anche nelle altre grandi amministrazioni del Nord. Con una quantità di soldi così cospicua, in altri tempi, si sarebbe fatto quantomeno un libro dei sogni città per città che in confronto Marcovaldo sarebbe impallidito.

Sogni irrealizzabili? Può darsi. Ma almeno si sognava qualcosa. Qui, invece, non si sogna più nulla. La cosa grave è che la progettazione delle città del futuro pare sia passata dalle aziende partecipate, e non dalla politica o dalle associazioni cittadine e confindustriali. Evidentemente l’immobilismo delle classi dirigenti prive di sogni può dare qualche indizio sul fatto che stiano dormendo oppure che siano definitivamente morte.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Terrorismo islamico, che fine ha fatto? “Tagli alla Difesa per investimenti in Sanità, è a rischio la sicurezza”

Terrorismo in Italia, quanti soldi investe lo Stato per contrastare la minaccia terroristica? Sempre di meno

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Iscriviti a True Politics

Ogni martedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

M5S fallito? La dimostrazione sono Raggi e Appendino

C'è un qualche contrappasso del destino nel fatto che proprio quelli che dovevano rinnovare tutto, alla fine sono sempre gli stessi. Il...

Giuseppe Conte, quella corrispondenza d’amorosi sensi con Alessandro Di Battista

Giuseppe Conte vuole coinvolgere Alessandro Di Battista. E per farlo sta inviando all'ex deputato diversi segnali...

Scalo Romana a Milano, l’architetto Paolo Mazzoleni sarà consulente del Masterplan vincitore

Ci sarà anche Paolo Mazzoleni nella “partita olimpica” per la trasformazione dello scalo ferroviario di Porta Romana

Beppe Grillo sul blog e Massimo D’Alema imbarazzano il Premier Mario Draghi

Le uscite di Beppe Grillo e Massimo D'Alema pro Cina disturbano il premier Mario Draghi, che punta sull'asse filo-atlantico