Pharma Diasorin non vola più in Borsa: la grande disfida dei sierologici

Diasorin non vola più in Borsa: la grande disfida dei sierologici

I test sierologici? Poco utili per “convivere con il virus” come da formula ormai consolidata nel dibattito. Ecco, in sintesi, uno dei motivi per cui secondo gli analisti finanziari il titolo DiaSorin in borsa è ancora oggi sopravvalutato. La multinazionale italiana della Diagnostica in Vitro produttrice dei test sconta da settimane ribassi in borsa, con una performance del -13,25% nell’ultimo mese, dopo il rally primaverile che l’aveva portata toccare il picco di quota 211,80. Tre i principali fattori della discesa del titolo: la scarsa o parziale affidabilità dei sierologici nel fornire un risultato certo; il crescente investimento pubblico-privato sui vaccini Covid. Basti pensare che sono 128 – secondo il tracking del New York Times – quelli su cui i ricercatori di tutto il mondo stanno lavorando. Con la Commissione Europea che ha chiuso da pochi giorni i colloqui esplorativi con la quinta big fra le società farmaceutiche (Moderna). Colloqui che sfoceranno in Accordi di Acquisto Anticipato per 80 milioni di dosi più altre 80 milioni una volta dimostrata l’efficacia e la sicurezza. Il solo governo Usa ha messo invece sul piatto, con l’Operation Warp Speed, 10 miliardi di dollari per finanziare Big Pharma a produrre e fornire 300 milioni di dosi di vaccini entro gennaio 2021 (le prime 100 milioni di proprietà di Washington e con l’amministrazione Trump che punta a risultati concreti prima dell’Election Day). Quando arriverà il vaccino l’interesse di mercati e investitori per i test sierologici – e per le società che li producono, come la francese bioMérieux – calerà ulteriormente.

Ma il gruppo farmaceutico italiano è finito spiazzato nel suo campo da gioco anche dalle mosse di concorrenti internazionali. Che hanno sviluppato test molecolari rapidi, efficaci e utilizzabili negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie, sui luoghi di lavoro. Sono quelli che permetteranno di “convivere con il virus” con screening della popolazione già sul territorio evitando il riversarsi di pazienti con sintomi o anche asintomatici nei sistemi ospedalieri e rischiando di farli collassare. Li producono in particolare gli americani di Abbot. Ma anche Roche ha annunciato l’1 di settembre il test antigenico che consente di individuare rapidamente le persone con sospetta infezione da SARS-CoV-2, fornendo risultati in 15 minuti. Un test di piccole dimensioni e che non richiede strumentazione di laboratorio, verrà lanciato a fine settembre con una capacità produttiva di 40 milioni di test rapidi al mese per poi raddoppiare la produzione entro fine anno.

Tegole sulla testa di DiaSorin che in estate ha dovuto fronteggiare l’assalto giudiziario alla diligenza. Il Tar Lombardia – poi smentito dal Consiglio di Stato – aveva sospeso l’accordo con il Policlinico San Matteo di Pavia per la validazione dei test, mentre sullo stesso accordo la Procura di Pavia ha aperto un’inchiesta dove si ipotizzano anomalie procedimentali. Notizie che hanno portato la società a decidere di sospendere tutte le nuove attività di sperimentazione clinica con enti pubblici italiani.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Francesco Floris
Francesco Floris
Nato nel 1989, trentino, milanese d'adozione,. Giornalista freelance. Collaboratore di True-News, Fatto Quotidiano, Affaritaliani.it Milano, Linkiesta, Gli Stati Generali, Vice, Il Dubbio, Redattore sociale. Per segnalazioni scrivimi a francesco.floris@true-news.it o frafloris89@gmail.com

Più articoli dello stesso autore

Valvitalia, la società italiana di valvole che compete con le multinazionali straniere

Attiva nel settore delle valvole, Valvitalia è la società italiana che fa concorrenza alle grandi aziende americane

Rocco Forte Hotels, hotellerie di lusso: un affare di famiglia

Dodici alberghi cinque stelle lusso sparsi nel mondo e oltre 200 milioni di sterline di fatturato l’anno. Rocco Forte Hotels è un gigante dell’hotellerie...

IPZS: storia, servizi e governance dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

L’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS) si configura come una società per azioni, coordinata in modo esclusivo dal Ministero dell’Economia e delle...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Covid e patologie cardiovascolari. Battistina Castiglioni ne parla a The True Show

Come ha reagito la rete cardiologica alla pandemia Covid? La dottoressa Castiglioni, consigliere nazionale GISE, a The True Show

Anemia falciforme, gli esperti a confronto

Tremila casi in Italia ma è la punta dell'iceberg: la dottoressa Erica Daina e la professoressa Maria Domenica Cappellini spiegano cosa serve dal lato terapie e organizzazione contro la malattia rara causata da una mutazione genetica ereditaria

Rsa, il piano Regione-Finlombarda contro la crisi delle strutture

Fino a tre milioni di euro di garanzie da Regione Lombardia. Dentro al piano da 30 milioni di euro gestito da Finlombarda spa – il braccio finanziario della Regione – che in qualità di intermediario finanziario assicurerà il “sostegno del fabbisogno di liquidità” alle Residenza Sanitarie Assistenziali (Rsa) no-profit accreditate con il sistema sanitario regionale

Il 28 maggio è “Salute Direzione Nord”: le domande (giuste) per la Sanità del futuro

Il 28 maggio alla Fondazione Stelline di Milano, undicesima edizione della kermesse sul Sistema Salute organizzata da Inrete: tanti ospiti fra cui Fontana, Moratti e Sileri

In Italia 4119 “farmacie rurali”: nel Recovery 72mila € di investimenti ciascuna

Dal Recovery Plan 72mila € di investimenti per ognuna delle 4119 farmacie rurali che “operano nei comuni italiani con meno di 3mila abitanti”, a cui nel tempo sono stati tagliati i sussidi regionali a causa della riduzione del bacino d'utenza