Pharma I primi studi su RNA già premiati dal Nobel 2006

I primi studi su RNA già premiati dal Nobel 2006

La scoperta è stata paragonata a quella della penicillina. Nel 2006 Craig Cameron Mello e il collega Andrew Fire ci hanno vinto il Premio Nobel per la Medicina. Si tratta di una nuova classe di medicinali chiamati agenti terapeutici RNAi (Rna Interference), meccanismo naturale che consente, se utilizzato come terapia, il silenziamento genico di specifiche proteine responsabili di alcune patologie di origine genetica. I farmaci a Rna agiscono in maniera diversa rispetto ai medicinali odierni. Silenziando gli RNA messaggeri (mRNA), cioè i precursori genetici, che codificano le proteine che causano la malattia prevenendone la produzione. Oggi sono sulla bocca della comunità scientifica, e non, di mezzo mondo per la ricerca sul vaccino Covid e il susseguirsi di annunci promettenti da parte prima di Pfizer e poi di Moderna. Ma oltre il Covid è questa una delle frontiere più promettenti e in rapido avanzamento nel campo della biologia e dello sviluppo dei farmaci innovativi. Ribaltando un paradigma, punta alla “radice” delle patologie, non ai sintomi. Quali patologie? Il ventaglio di farmaci sviluppati nel tempo viene usato contro malattie cardio-metaboliche, malattie infettive, le malattie del sistema nervoso centrale (SNC) e quelle oculari. Nello specifico la tecnologia ha già dato risultati nel campo delle malattie rare come l’amiloidosi ereditaria mediata dalla transtiretina, la porfiria epatica acuta e l’ipersossaluria primaria ma anche con patologie molto più diffuse come l’ipercolesterolemia, Alzheimer e Parkinson. Da metà degli anni duemila e dal Nobel a Mello e Fire in poi, l’RNA Interference si è affermato nel mondo delle pubblicazioni scientifiche su riviste peer-reviewed come Nature, Nature Medicine, Nature Biotechnology, Cell, The New England Journal of Medicine e The Lancet.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici.

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Più articoli dello stesso autore

Cr7 dice no alla Coca Cola, ma si presta alle pubblicità per il poker online e il pollo fritto

Cristiano Ronaldo, detto cr7, vuole riciclarsi salutista. Alla Coca Cola dice no, ma il pollo fritto e il poker online?

Green pass: come ottenerlo e quando, in quali occasioni è obbligatorio – LA GUIDA

I vacanzieri italiani stanno scaldando i motori. C’è chi è già in villeggiatura, ma molti si stanno preparando per godersi quest’estate, dopo...

Bonus vacanze 2021 aggiornamento: come, quando e dove usarlo

Tempo di vacanze, esodi di massa? Quasi: 41 milioni di italiani si concederanno un periodo di ferie lontano da casa, ben 11...

Iscriviti a True Pharma

Ogni giovedì mattina alle 6.50 gratis nella tua casella mail

Notizie Correlate

Rete Cure Palliative? “Fondamentale in pandemia. Ora costruiamo una nuova terapia del dolore partendo dalla formazione”

Terapia del dolore, in Lombardia ci sono 73 Hospice e oltre 130 Enti accreditati per l'erogazione delle cure palliative domiciliari. Venti anni fa? Erano cinque in tutta Italia. Ne parla il dottor Furio Zucco

Alzheimer. Alessandro Padovani: “FDA ha mandato un messaggio, in Italia la ricerca è vittima del pregiudizio”

Ricerca sull'Alzheimer? “Il dispositivo della Food and Drugs Administration americana indica una direzione”. Non usa mezze parole il professor Alessandro Padovani, ordinario di Neurologia all'Università degli Studi di Brescia

Salute mentale, dipendenze e adolescenti. Tiziana Mele: “Sarà la prossima emergenza sanitaria, dobbiamo parlare i linguaggi dei ragazzi”

Curare una dipendenza implica anche curare la mente? O viceversa? Sono domande legittime, specie dopo il Coronavirus

Raccomandazioni per la somministrazione di ferro IV: AIFA chiarisce la sua posizione e semplifica la vita ai pazienti

Il chiarimento dell'AIFA rende possibile l'uso di terapie a base di ferro IV in diversi contesti assistenziali senza la presenza di reparti di rianimazione a favore soprattutto di alcune categorie di pazienti fragili

Letizia Moratti: “In Lombardia un Centro Nazionale Malattie Infettive, il Governo ci segua”

Un Centro Nazionale per Malattie Infettive in Lombardia. Questa la proposta della vicepresidente della Regione Letizia Moratti